Coni, Saviano: “Avellino ha bisogno di Sport Days. Strutture? Occorre pianificazione”

0
19

Sport Days riparte al campo Coni di Avellino per la sua XV edizione, questa mattina la consueta kermesse dedicata a tutte le discipline sportive è stata presentata presso il salone del comitato olimpico del capoluogo irpino alla presenza del delegato provinciale, professor Giuseppe Saviano e del senatore Cosimo Sibilia, presidente della sezione campana nonché Commissario Straordinario della Figc regionale.

Il claim di quest’anno è stata annunciata dallo stesso Saviano: “Miriamo come ogni anno alla grande partecipazione: Sport Days significa integrazione, significa bambini, significa famiglie, significa anche turismo, cultura, divertimento e coinvolgimento da parte delle scolaresche. Il tutto – sottolineo – propinato gratuitamente ai bambini affinché questi possano avvicinarsi ad ogni disciplina sportiva: Avellino ha bisogno di questi momenti positivi”.

Come sempre nel programma grande risalto al XXX Meeting Internazionale di Atletica Leggera ‘Città di Avellino’ (in agenda il 15 giugno) a cura della Cffs Atletica Avellino.”Il nostro manager è al lavoro per portare atleti di punta all’evento” ha sottolineato Saviano, che poi ha rivolto ha la sua attenzione alle strutture e all’attività sportiva nelle scuole.

“Il progetto nazionale Sport e Periferie va avanti, una proposta che implica lo stanziamento di cento milioni di euro e, se riusciremo a vincere la battaglia di organizzare i Giochi Olimpici del 2024 a Roma, credo che questi fondi aumenteranno. Il nostro obiettivo, a tal uopo, sarà quello di studiare le mosse per portare gli impianti dove veramente servono. Deve finire il periodo in cui l’impianto sportivo era sinonimo di collettore di voti clientelari, occorre programmazione e pianificazione.

L’attività sportiva scolastica è invece in crisi, in quanto non ci sono più finanziamenti: i colleghi di scienze motorie sono stati umiliati a mio avviso rispetto all’organizzazione dei Giochi Olimpici studenteschi. Penso che la scuola sia fondamentale e che i colleghi laureati in scienze motorie debbano lavorare anche negli istituti d’infanzia”.

In ottica Fiera di Sport, interessante è stata l’iniziativa dell’Aiga (Associazione Irpina Giovani Architetti), denominata Il Gioco del Riuso, ovvero sul riutilizzo del materiale sportivo: “Saremo presenti in una conferenza stampa anche con l’assessorato del Comune di Avellino e con il mondo del volontariato. Lo Sport non deve isolarsi ma dimostrare la propria centralità”.

Sport Days rilancia insomma, una manifestazione che piace, nonostante i tanti cavilli burocratici da superare.

Il programma di questa edizione parte da mercoledì 1 giugno con il raduno dei partecipanti presso Corso Vittorio Emanuele, a seguire la sfilata degli stessi e il saluto alle autorità. Previsti per la prima volta anche tornei calcistici, oltre all’istallazione del Maxi Schermo, che tanto portò bene all’Italia nel 2006, riproposto anche per gli Europei di Francia e Belgio.

Da segnalare l’assenza, durante la presentazione, dei rappresentanti del Comune di Avellino, ma come chiosa il delegato provinciale: “L’amministrazione ha contribuito grazie all’assessore all’urbanistica, Ugo Tomasone, e dell’ingegner Augusto Penna, assessore alla Politiche Ambientali.”

di Renato Spiniello.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here