Concorsi della penitenziaria truccati: l’indagato resta in carcere

Il tribunale del Riesame ha confermato l'arresto in carcere per il sindacalista arrestato con una agente irpina che avrebbe beneficiato di un falso tampone.

0
909

Il tribunale del Riesame ha confermato l’arresto in carcere del sindacalista finito in un’indagine su presunti tamponi falsi realizzati per permettere a degli agenti penitenziari di partecipare ad alcuni corsi. Nell’indagine è coinvolta anche un’aspirante agente irpina, che avrebbe beneficiato del falso test per partecipare ai concorsi. L’indagato, per l’accusa, avrebbe favorito il superamento di alcune prove concorsuali in cambio di un pagamento.