Comitato provinciale di Azione: nasce il Gruppo Mandamento baianese

0
37
avvocato Giovanni Bove
avvocato Giovanni Bove

Azione in provincia di Avellino si arricchisce di un nuovo comitato di base; nasce il Gruppo Mandamento baianese in Azione che sarà coordinato dal dott. Salvatore Alaia, già sindaco di Sperone.

“L’idea di aderire ad Azione – dichiara Salvatore Alaia –  nasce dalla consapevolezza di voler costruire, insieme a tante altre persone, un percorso che possa, al di là delle parole, rendere concrete quelle idee che il movimento di Calenda prova a trasmettere nell’agone politico con passione, coerenza e determinazione”.

“Credo sia giunto – continua Alaia – il momento di far sentire la propria voce per contribuire a costruire un percorso che abbia come riferimento paradigmatico l’attenzione al territorio, in modo da intercettare le esigenze ed i bisogni delle diverse realtà e della fasce più deboli della popolazione, a cui bisogna  rapportarsi con idee concrete e proposte in grado di far aumentare il benessere collettivo di pari passo al miglioramento del benessere economico”.

Il comitato provinciale di Azione esprime la propria soddisfazione per questo ulteriore tassello nella campagna di organizzazione del partito in provincia.

“Quando persone con il carisma e l’esperienza di Salvatore Alaia decidono di mettersi in gioco – dichiara Giovanni Bove referente provinciale di Azione – non può che far piacere; il nostro gruppo si arricchisce di un importante riferimento territoriale. La zona del baianese, con le sue peculiarità e problematicità, rappresenta la cerniera tra l’Irpinia e la piana nolana ed è strategica negli assetti dello sviluppo futuro della nostra provincia. Siamo certi che, con l’impegno di tutti, Azione possa crescere ancor più e diventare, anche in questa provincia,  occasione per affermare che in politica il merito, la capacità e la competenza sono un valore aggiunto e  possono essere gli strumenti attraverso cui riscoprire la bellezza della partecipazione democratica, finalizzata non all’affermazione di un singolo, ma al miglioramento della qualità della vita di tutti”