Clan Cava, la Cassazione conferma tutte le condanne

Clan Cava, la Cassazione conferma tutte le condanne

19 Maggio 2015

Convalidata l’ipotesi accusatoria della procura Direzione Distrettuale Antimafia condotta dal dott. Francesco Soviero, relativa alla associazione a delinquere denominata clan Cava.

 

E’ arrivata oggi la la sentenza sull’inchiesta giudiziaria che ha avuto inizio nel 2008, che ha sgominato il clan Cava di Quindici con l’arresto di 47 persone. Le indagini, coordinate dal pm della DDA di Napoli, Maria Antonietta Troncone, e dal pm antimafia Francesco Soviero, portarono alla luce le attività criminali dei Cava come estorsioni, usura, traffico di droga.
Confermate tutte le condanne da quella più alta (anni 30 inflitta a Cava Biagio) a quella più bassa.
Infatti, la prima sezione penale della Suprema Corte ha dichiarato inammissibili dieci ricorsi, ne ha rigettato venti e ne ha accolto parzialmente solo uno, quello redatto dall’avvocato Dario Vannetiello nell’interesse del capo clan Cava Antonio, la cui pena è passata da anni 22, mesi 5 e giorni 15 ad anni 21 mesi 11 e giorni 15.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.