Città, parla il Commissario Priolo: “Avellino tutt’altro che dormiente, l’ex Eliseo resti un cinema-teatro”

0
6

Renato Spiniello – “Il teatro Eliseo resterà teatro? Non c’è dubbio, almeno per quanto mi riguarda”. Il Commissario Straordinario, Giuseppe Priolo, ribadisce, nonostante le tanti voci trapelate, la destinazione che spetterà all’ex Gil di via Roma.

“Se una struttura è destinata a essere cinema e teatro, per quanto mi riguarda deve restare tale – ha aggiunto Priolo – ovviamente ci sono delle proposte che un amministratore ha il compito di acquisire e di valutare per poi prendere delle decisioni che tengano conto della situazione complessiva. Noi stiamo facendo di tutto per ottenere l’agibilità formale del teatro ex Eliseo, per il quale c’è una grande lungaggine di adempimenti burocratici. Ho tuttavia la fondata speranza che in questi mesi finali della nostra gestione riusciremo a formalizzarne l’agibilità”.

Il problema di strutture come quella di via Roma, secondo il Commissario Prefettizio, è nel ricercare un tipo di gestione sostenibile, altrimenti sono soggette a degrado, abbandono e vandalismo: “Occorre trovare delle gestioni che rendano tali strutture vive e vitali, rispetto a questo tutte le proposte sono possibili e naturalmente ci sono delle scelte che è giusto facciano i rappresentanti democraticamente eletti dalla città di Avellino, ma per quanto mi riguarda una struttura che è cinema o teatro, non può che restare tale”.

Priolo, infine, a margine della presentazione delle cerimonia di festeggiamenti in onore degli 80 anni del corpo dei Vigili del Fuoco, una serie di eventi di caratura nazionale che partiranno proprio dal teatro Carlo Gesualdo di Avellino, ha parlato anche di come ha trovato in questi mesi il capoluogo: “Mi avevano detto che era una città silente e dormiente, ma sotto l’aspetto sociale, culturale e comunicativo non è affatto così”.