“Che sia un mondo sempre più rosa”. Raggi e Piantedosi al Perna-Alighieri di Avellino

“Che sia un mondo sempre più rosa”. Raggi e Piantedosi al Perna-Alighieri di Avellino

19 Marzo 2021

“Che sia un mondo sempre più rosa”. Raggi e Piantedosi al Perna-Alighieri di Avellino. Il sindaco ed i prefetto di Roma si sono confrontati, stamane, con i giovani alunni dell’Istituto Comprensivo Perna-Alighieri in modalità online su temi di scottante attualità, come le disparità di genere e la violenza sulle donne, temi che saranno approfonditi sul Giornalino “Il Mondo che vorrei” dell’Istituto, curato dal prof Ciro Marciano, in uscita a fine mese.

Tante le domande poste al sindaco Raggi che ha risposto alle svariate curiosità e richieste impegnative delle alunne e degli alunni. “Spesso sono stata attaccata in quanto donna e non per il mio operato, quando si parla di competenze non c’è differenza tra uomini e donne. Bisogna chiedere alle istituzioni di fare tutto ciò che è possibile per raggiungere la parità di genere e soprattutto studiate, studiate tanto”.

“Una società incapace di apprezzare la componente femminile, priva se stessa di intelligenze ed eccellenze. Oltre ad essere papà di due ragazze, mi auguro che il futuro sia sempre più rosa – così il Prefetto Piantedosi- L’amministrazione di cui faccio parte, il ramo prefettizio del Ministero dell’Interno ha visto sempre più donne in carica. Un esempio? Prima di me a Roma ci sono stati due Prefetti donne, ed attualmente sono 150 in tutta Italia”.

Sulla violenza di genere Raggi e Piantedosi hanno sottolineato l’importanza di un cambio di passo a partire dalla cultura di valori e la necessità, nei casi estremi di cui si è a conoscenza, di affidarsi alle forze dell’ordine e alle reti dei servizi sociali presenti sui territori.

Grande soddisfazione è stata espressa dal dirigente scolastico dell’Istituto Perna – Alighieri di Avellino, prof Attilio Lieto: “Ringrazio la Sindaca Raggi ed il Prefetto Piantedosi per aver dedicato tempo e preziosi esempi ai nostri alunni; nel nostro piccolo cerchiamo di educare i giovani a diventare corretti cittadini del mondo”.