Cellulari in carcere: identificati i responsabili. Due nei guai

0
21

Identificati i due responsabili che hanno fatto entrare in carcere, ad Avellino, cinque telefonini nascosti in pacchi di pomodori e melanzane. La polizia giudiziaria li ha sequestrati. Nei guai sono finiti un detenuto 47enne, arrestato per spaccio di cocaina in città, e una 52enne che ha spedito la consegna. Entrambi dovranno essere presenti all’udienza di convalida della misura, durante la quale saranno assistiti dall’avvocato Danilo Iacobacci. I cinque telefoni cellulari sono stati trovati in un sottofondo ricavato nel contenitore delle melanzane sott’olio.