Caso meningite, scatta lo screening dei profughi nella struttura di Monteforte

Caso meningite, scatta lo screening dei profughi nella struttura di Monteforte

20 Luglio 2016

Dopo la profilassi, analisi specifiche su tutti i residenti extracomunitari della struttura gestita dall’azienda agrituristica Petrilli per verificare con sicurezza scientifica che non ci siano altri ceppi di meningite fulminante.

L’Amministrazione comunale di Monteforte Irpino non vuole lasciare nulla al caso e si è attivata sin dalle prime ore del decesso del diciannovenne guineano: «Stiamo lavorando di concerto con le autorità sanitarie ed istituzionali comunali e sovracomunali – spiega l’assessore delegato alle Politiche sociali, Giulia Valentino – per garantire la massima sicurezza e tranquillità non solo ai cittadini ma anche agli operatori che hanno frequentato la struttura di Alvanella. E’ chiaro che ci fidiamo ciecamente degli esperti sanitari, ma comunque abbiamo chiesto di essere aggiornati minuto per minuto sugli sviluppi delle analisi che i medici stanno conducendo. Al momento possiamo escludere rischio contagio per tutti».

Parallelamente si sta muovendo anche il fronte istituzionale: il sindaco Costantino Giordano sta preparando una missiva da inviare al Prefetto per chiedere di fermare nuovi arrivi nel territorio montefortese, auspicando una distribuzione più omogenea su tutto il territorio irpino.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

<

Latests News

Sentenze pilotate e giudici accusati: verso il rito abbreviato

E’ stata rinviata al 6 novembre l’udienza preliminare legata all’inchiesta

18 Settembre 2020

D’Amelio (PD): Facciamo fronte comune per avere voce in Regione

“Volge al termine questa campagna elettorale che per me ha

18 Settembre 2020

Aufiero (FI): riprendiamoci l’Irpinia

“Giunge al termine un’intensa campagna elettorale ma allo stesso tempo

18 Settembre 2020