Caritas Avellino, all’ex Carcere Borbonico una tre giorni sulla condizione carceraria della donna

Caritas Avellino, all’ex Carcere Borbonico una tre giorni sulla condizione carceraria della donna

1 Dicembre 2015

Da domani 2 dicembre e fino a venerdì 4 dicembre, presso l’archivio dell’ex Carcere Borbonico prenderà vita la manifestazione “Il tempo scorre tra le dita”, organizzata dalla Caritas Diocesana di Avellino. Una tre giorni di incontri, rassegne ed eventi sulla condizione carceraria della donna con particolare riguardo alla realtà provinciale irpina.

Si comincia domani alle ore 16 con l’introduzione alla manifestazione “L’altro Natale”; giovedì invece, sempre alle ore 16, ci sarà la presentazione del libro di Livio Ferrari “No Prison” a cura di Carlo Mele, garante provinciale dei diritti dei detenuti. Sarà presente l’autore.

In chiusura, venerdì 4 dicembre alle ore 16, il convegno di fine evento: l’introduzione sarà affidata a Carlo Mele, direttore della Caritas Diocesana di Avellino; seguiranno le testimonianze dirette dell’ispettrice Giuseppina Scognamiglio, delle volontarie e delle ospiti della sezione femminile della casa circondariale di Bellizzi Irpino. La conclusione sarà a cura di Paolo Pastena, direttore della casa circondariale di Bellizzi Irpino. carcere donne caritas

Infine, alle ore 17.30, sarà celebrata la Santa Messa presieduta da Sua Eccellenza Mons. Francesco Marino, vescovo di Avellino.

Durante tutta la tre giorni sarà presente un’esposizione temporanea di manufatti ed oggetti di artigianato realizzati dagli ospiti della casa circondariale.

La Caritas Diocesana di Avellino continua dunque il suo impegno di accoglienza e supporto a giovani donne, accompagnandole in un processo di rieducazione volto a trasformare il dolore del distacco in sentimenti positivi di recupero e speranza.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.