Carenza sangue: il 232° reggimento trasmissioni di Avellino risponde all’appello del “Moscati”

0
19

Dopo il successo della stessa iniziativa che ha avuto avvio lo scorso anno, i militari del 232° reggimento trasmissioni sono stati nuovamente protagonisti nei giorni scorsi di un emo-donazione, la prima del 2021, nella sede della caserma “Berardi” di Avellino, in collaborazione con il locale gruppo dell’Associazione “FRATRES”.

L’Associazione che, a livello nazionale, promuove la diffusione dell’educazione sanitaria e la formazione della cultura del dono e che contribuisce inoltre ad uno sviluppo della ricerca e della utilizzazione del sangue e dei suoi derivati, annovera al suo interno circa 650 gruppi di donatori con una media di 147 mila donazioni annue.

Il 232° reggimento ha dunque nuovamente accolto l’appello delle istituzioni sanitarie, fornendo un immediato e concreto contributo per far fronte alla carenza di sangue sofferta dall’Ospedale “Moscati” di Avellino, resa ancor più drammatica dall’attuale emergenza sanitaria da CoViD-19.

Straordinaria è stata ancora una volta l’affluenza da parte del personale in uniforme presso l’emoteca messa a disposizione dall’ Associazione, fornendo in questo modo un importante impulso verso una tematica di grande spessore sociale, ancora più sentita in questo particolare periodo di emergenza e contribuendo, allo stesso tempo, al sempre più crescente fabbisogno di sangue a livello nazionale.

Il 232° reggimento trasmissioni ha svolto numerose attività sia fuori dal territorio nazionale, nelle operazioni in Kosovo, Libano, Iraq, Somalia, Niger, Lettonia e Gibuti, sia in Campania nell’ambito dell’operazione Strade Sicure.