Calciomercato Avellino, arrivano i rinforzi. Braglia ora chiede gli attaccanti

Calciomercato Avellino, arrivano i rinforzi. Braglia ora chiede gli attaccanti

27 Agosto 2020

di Claudio De Vito. Stanno arrivando i rinforzi a Sturno dove l’Avellino, seppur a fatica, sta prendendo forma. Ieri sera è giunta l’ufficialità del prestito con diritto di riscatto di Michele Bruzzo dal Pontedera, asse che nel 2014 fruttò il quadriennale flop di Andrea Arrighini, oltre che l’ingaggio di Paolo Regoli. Il centrocampista classe ’99 ha già raggiunto i nuovi compagni, tra cui Marco Silvestri già conosciuto ai tempi delle giovanili del Genoa, in ritiro e stamani sarà in campo per il primo allenamento.

Dovrebbe vedersi nel quartier generale pre-campionato già in giornata Mirko Miceli, che la Sambenedettese ha già salutato ufficialmente. Il difensore classe ’91, pupillo di Ezio Capuano, sottoscriverà un biennale andando a rinfoltire la batteria di centrali già composta da Giuliano Laezza e Gabriele Rocchi. Non arriverà dal club rossoblu invece Francesco Rapisarda, laterale destro finito alla Triestina che aveva già soffiato all’Avellino il centrocampista Giuseppe Rizzo ed il portiere Raffaele Ioime. Avrebbe fatto comodo come erede di Vedran Celjak che ha firmato con il Lecco.

Intanto al “Castagneto” è in prova il francese di origini algerine Heythem Kerbache, attaccante esterno classe 2000 proveniente dalla seconda squadra del Troyes. Rapido e dotato di buoni mezzi tecnici, sarà valutato da Piero Braglia che attende però maggiore peso specifico nel reparto avanzato al momento sprovvisto anche di un solo bomber. Si attendono sviluppi per Luigi Castaldo che ha già detto sì al biennale offerto da Salvatore Di Somma, ma prima bisognerà definire alcuni aspetti economici con la Casertana.

Nel frattempo, l’Avellino si sarebbe fiondato nuovamente su Gabriele Bernardotto, che in Irpinia verrebbe di corsa. Sempre più complicate invece le piste per il centrocampo incarnate da Domenico Mungo e Mirko Bruccini. Per il primo il Teramo chiede soldi per il cartellino, mentre il secondo sarebbe propenso ad accettare il triennale biancoverde ma il Cosenza si oppone e nei prossimi giorni dovrebbe rilanciare con un’offerta di rinnovo.