Cacciatore minaccia guardie Wwf: all’autore si risale dalle cartucce

0
1

Durante un regolare controllo dell’attività venatoria nei pressi della diga di Conza della Campania, presso il viadotto della statale ss7 dir c, mentre si avvicinavano per controllare una persona in atteggiamento di caccia munito di carabina, le guardie WWF venivano minacciate dal suddetto individuo, il quale intimava alle guardie di non avvicinarsi altrimenti avrebbe sparato contro di loro. Successivamente si dava alla fuga nella boscaglia facendo perdere le proprie tracce. Durante la precipitosa fuga perdeva un caricatore con quattro proiettili.  Grazie ai moderni dispositivi in dotazione ai nuclei di Avellino e Salerno il soggetto sarà identificato certamente nel giro di pochi giorni e denunciato per i seguenti reati: art. 336 c.p.p. (minaccia a mano armata), art. 337 c.c.p. (resistenza a pubblico ufficiale) art. 651 c.p. (rifiuto di declinare le proprie generalità) art. 20 legge 110/75 (omessa custodia di armi e munizionamento) nonchè violazione della legge 157/92 in materia di normativa sulla caccia. Fabrizio Lullo, coordinatore provinciale del nucleo guardie WWF di Avellino, dichiara che “non è la prima volta che persone armate commettono simili reati e che, nello stesso tempo però, le Guardie avevano prontamente individuato nel giro di pochi giorni i bracconieri. Una operazione simile ha portato all’identificazione di 8 bracconieri che esercitavano la caccia in area protetta con armi clandestine. Detti bracconieri furono individuati e denunciati all’Autorità Giudiziaria competente a distanza di pochi giorni dai fatti, grazie ai rilievi fotografici realizzati dalle Guardie e  all’attività investigativa della sempre encomiabile Arma dei Carabinieri.  Sicuramente il bracconiere faceva parte di una squadra assegnataria della zona di caccia interessata dai controlli delle Guardie, composta da residenti nei comuni limitrofi alla zona dove hanno avuto luogo i fatti. La lotta continua al bracconaggio è una priorità importantissima per tutte le Guardie che continueranno la loro azione di contrasto, prevenzione e controllo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here