Banditismo e criminalità al centro del nuovo incontro promosso dall’Archivio di Stato

Banditismo e criminalità al centro del nuovo incontro promosso dall’Archivio di Stato

11 Marzo 2016

L’Archivio di Stato di Avellino ha organizzato – in collaborazione con il Centro Studi “Colombo” e l’associazione culturale “Memoria digitale” – ad Avellino il 14 marzo alle ore 16.30 presso il complesso monumentale dell’ex Carcere Borbonico un incontro dal titolo “Criminali in provincia. Briganti e ‘colletti bianchi’ nel dopoguerra”.

Per l’occasione verranno presentati i volumi: “Il malaffare in Irpinia. Fatti, personaggi e attività operativa della Guardia di Finanza nell’Avellino post-terremoto” di Antonio Schiano di Cola e “Latitante a domicili. La storia di Vito Nardiello, il lupo d’Irpinia” di Giuseppe Alessandri.

In questa ottica il racconto autobiografico del primo autore presenta la lotta alla criminalità in cui egli stesso è stato protagonista dal 1984 al 1990 presso il Comando di polizia tributaria di Avellino.

Il saggio del secondo autore ha per argomento la carriera criminale di Vito Nardiello, un “bandito” vecchio stampo che nel secondo dopoguerra monopolizzò le cronache giudiziarie.

L’intento è quello di suscitare interesse nei confronti delle fonti per la storia contemporanea.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.