Avellino, l’edicola vicino il Conservatorio lancia la spesa sociale. “In tanti vivono un vero e proprio dramma”

Avellino, l’edicola vicino il Conservatorio lancia la spesa sociale. “In tanti vivono un vero e proprio dramma”

14 Aprile 2020

Alfredo Picariello – Non sono solo delle trincee, delle “oasi” in questo periodo di blocco. Aperte praticamente tutti i giorni, anche a Pasqua, possono svolgere un importante ruolo anche dal punto di vista sociale. A questo avrà sicuramente pensato la signora Assunta che, da anni, gestisce l’edicola situata proprio accanto al Conservatorio di Avellino. Un importante punto di riferimento per un’area molto vasta del capoluogo irpino, poco distante da quartieri grandi e popolosi come rione Parco, ad esempio.

E così, il coronavirus sta facendo svolgere anche un altro compito alla signora Assunta, sempre gentile ed affabile con tutti i suoi affezionati clienti. La sua edicola, da diversi giorni, è diventato un punto di spesa solidale. La signora Assunta, lei in prima persona ed i clienti più “fortunati” che glieli consegnano, “raccoglie” generi alimentari di prima necessità per le famiglie che ne hanno bisogno. Poi li consegna direttamente a loro quando si recano in edicola oppure provvede lei stessa alla consegna. Un piccolo, grande gesto.

“Il virus ha amplificato i problemi – dice la signora Assunta – ci sono tantissime famiglie ormai in grande difficoltà. Noi facciamo quello che possiamo, perciò invito i cittadini di Avellino a darci una mano nella spesa solidale. In questo modo, daremo un aiuto concreto a chi, in questo periodo, vive un vero e proprio dramma sociale”.