Avellino – Con ‘Terra’ il centro storico riscopre la tavola dell’800

22 Settembre 2005

Avellino – Un viaggio alla scoperta dei sapori, dei profumi e dei piatti che imbandivano le tavole dell’800. Dalle Fave e lampacioni alla Zuppa di cicerchie e scarole e pane croccante
dai Tozzetti irpini al vino alla ciambotta, “Terra” offre un saporito spaccato sulla realtà gastronomica avellinese ai tempi dei Borboni.

Il percorso enogastronomico si svilupperà attraverso i vicoli del centro storico di Avellino, a partire dalle ore 20 di sabato 24 settembre.
A curare la sinergia tra locande ed osterie ne “La notte dei sapori” è stato Slow Food- Condotta Partenio, diretta da Adriana Bilotta.

Menù a tema serviti in abiti d’epoca in ognuno dei sette ristornati che hanno aderito alla iniziativa di Slow Food: La Fontana (da non perdere le fantasie del Castello e le verdure del Bottaiolo), La Maschera “Locanda D’Autore” (propone, tra l’altro, un sublime fiore di pastafrolla ripieno di cioccolato fondente con salsa alle bacche di vaniglia), Totò e Peppino (insuperabili i suoi peperoni in agrodolce imbottiti), Il Barone (con la tradizionale carne, patane e pepaine), Osteria I Professionisti (tra i cui piatti della classica cucina contadina spicca il soffritto e pane avellinese), La Puccia (con i suoi cecatielli patate e salsicce) e Osteria da Lia (propone la pizza con le ortiche do’ Mulinaro).

Il viaggio con le tavole della storia continua con l’altro percorso, “De gustibus”, proposto dai locali del centro storico Ajò wine&co, Agorà, Soul club, Dry73, Antico panificio Preziosi, Cornetteria Nottambula e Ristorante Il Normanno. Anche in questo caso saranno proposti i piatti tipici della ricca cucina irpina, accompagnati dalla musica estemporanea della “posteggia” con chitarra e mandolini.

“La tradizione culinaria è una delle ricchezze della nostra città – spiega l’assessore al commercio Luca Iandolo – e “Terra” ne offre la possibilità di una promozione ad ampio raggio. Con piacere ho potuto constatare che ben 14 locali, in pratica tutti quelli che operano nel centro storico, hanno aderito con entusiasmo a questa iniziativa che sicuramente contribuirà a creare indotto economico nei ristornati e negli esercizi commerciali della zona”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.