Avellino – Campobasso, il monito di Braglia: “I campionati si vincono con unità e qui non la vedo”

0
96

Mario D’Argenio – Siamo alla vigilia dell’esordio in campionato per l’Avellino che scenderà in campo domenica alle 20,30 per affrontare il Campobasso davanti al proprio pubblico. Come di consueto a presentare la partita e questo inizio di stagione è stato mister Piero Braglia che stamattina incontrato giornalisti alla sala stampa del Partenio Lombardi.

“Dobbiamo affrontare la gara nel modo giusto – ha commentato il mister biancoverde – in particolare le più pericolose sono le prime quattro o cinque gare perché dobbiamo ancora assestarci e se non corri più degli altri e non hai l’atteggiamento giusto rischi contro chiunque. Contro il Campobasso abbiamo già sofferto in amichevole dove ci hanno messo in difficoltà anche perché forse l’errore che stiamo facendo è che dopo il campionato dello scorso anno pensiamo che qualcosa in più ci sia dovuto e non funziona così perché la superiorità si dimostra sempre sul campo. Bisogna prepararsi bene e lavorare e vedere a che punto siamo”

Braglia poi chiarisce la questione mercato bacchettando anche l’ambiente per le continue polemiche: “Non voglio un attaccante centrale e neanche un trequartista. Voglio giocatori che all’occorrenza possano sostituire  Micovsky e Kanoute. I giochi sono fatti e ora dobbiamo solo parlare sul campo e la squadra è attrezzata per fare un campionato importante ma se siamo presuntuosi – continua il mister – faremo un campionato mediocre, se pensiamo di essere bravi o ci facciamo mettere in testa troppi problemi diventa dura. I campionati si vincono con l’unione dell’ambiente che in questo momento qua non c’è. Si vince remando tutti dalla stessa parte e invece qua basta leggere due cose e qualcosa non torna. Leggo di una squadra del nostro girone che ha fatto una campagna acquisti importante, come l’Avellino, e parlano continuamente dell’entusiasmo qui invece sono tutti arrabbiati. Se perdiamo la determinazione che avevamo l’anno scorso faremo fatica. Se perdiamo la compattezza dello spogliatoio non andiamo da nessuna parte. I segnali non mi piacciono. Vedo troppa gente chiacchierare. Vedo una squadra che parla, poco unita, fino ad ora ok, ma adesso inizia il campionato e bisogna pedalare più dell’anno scorso per fare qualcosa di importante.

Articolo precedente“Microsfera”, dal Pan di Napoli a Casino del Principe. Emiliano Stella ritorna ad Avellino
Articolo successivoGaranzia Giovani, 115 tirocini richiesti da Irpiniambiente
☑ Dal 2011 ho iniziato la mia attività di libero professionista operando principalmente nel campo del visualmaking: fotografia e video. Ma già avevo maturato un'esperienza nel settore, avendo lavorato con le emittenti televisive Irpinia TV e Telenostra che mi hanno fatto da apripista in ambito professionale. ☑ Collaboro oggi con le maggiori testate della provincia di Avellino sia per service fotografici che video. Attualmente lavoro con le testate di Ciriaco, IrpiniaNews, Ottopagine e faccio da service esterno all’emittente Canale 58. ☑ La mia attività fotografica si svolge prevalentemente in ambito sportivo, soprattutto con il calcio. Ho anche un'importante expertise nell'ambito della pallavolo dove sono stato fotografo ufficiale della Sidigas Atripalda che ha vinto una coppa Italia di serie A2. ☑ Svolgo anche servizi fotografici e video da cerimonia ed in generale per eventi: principalmente battesimi, comunioni e feste. ☑ Realizzo fotografia pubblicitaria e video pubblicitari. ☑ Possiedo, infine, esperienze anche in ambito nazionale con il varo della MSC divina a Marsiglia (che ha avuto come testimonial Sofia Loren), il premio Malaparte a Capri. ☑ Sono giornalista pubblicista dal febbraio 2015