Avellino Calcio – Focus difensivo di Toscano: il 3-5-2 prende forma dalle retrovie

0
3

San Michele di Serino, Claudio De Vito – L’Avellino è tornato al lavoro questa mattina dopo le fatiche della ripresa di ieri pomeriggio. Consueto appuntamento al Comunale di San Michele di Serino per la truppa di Domenico Toscano che non vede l’ora di trasferirsi sul sintetico del Partenio-Lombardi, dove sabato pomeriggio andrà in scena l’amichevole con il Cosenza che ha suscitato non poche polemiche tra i tifosi per i prezzi degli tagliandi (8 euro la Sud, 12 la Montevergine Laterale).

Due ore piene di allenamento a tutto per i lupi ai piedi del Terminio davanti ad una cinquantina di tifosi e sotto lo sguardo vigile del duo direttoriale composto da Massimiliano Taccone ed Enzo De Vito che nelle prossime ore definiranno la trattativa per Richard Lasik. Lo slovacco dovrebbe arrivare in prestito con diritto di riscatto constatata la difficoltà di un ingaggio a titolo definitivo nei negoziati con lo Slovan Bratislava.

Boris Radunovic è tornato in gruppo dalla Serbia dopo aver usufruito di un giorno di permesso supplementare rispetto ai compagni di squadra. Invariata rispetto a ieri la situazione in infermeria pronta a svuotarsi con i recuperi di Davide Gavazzi e William Jidayi che stanno correndo verso l’esordio in campionato con il Brescia. Anche oggi entrambi, insieme a Marco Migliorini, hanno svolto tutta la parte atletica per poi defilarsi seguendo i rispettivi programmi di riatletizzazione.

Esercizi isometrici in solitudine invece per Fabrizio Paghera per il quale ci vorranno almeno un altro paio di settimane prima di rivederlo in campo. La parte dedicata al lavoro fisico è durata circa un’ora con una prima fase cosiddetta analitica seguita da una sessione più specifica basata sulla forza resistente con un circuito a corpo libero.

La seconda ora di allenamento è servita a Toscano allenare la difesa e l’attacco con particolare riferimento soprattutto al primo reparto. Maniacale il focus difensivo sulla linea a cinque tenuto dal tecnico calabrese che, come ieri, non ha risparmiato urla e occhiatacce ai suoi nei momenti di scarsa concentrazione. Toscano, che ha partecipato attivamente all’esercitazione col pallone tra i piedi, ha insistito su un reparto composto da Belloni e Asmah sugli esterni con Donkor, Biraschi e Perrotta in posizione centrale.

“Vicini, dovete stare vicini” è stato il diktat impartito alle punte che ha inaugurato la sessione dedicata ai movimenti offensivi con le coppie Verde-Castaldo e Mokulu-Bidaoui ad alternarsi in area. Netta a questo punto l’impronta che Toscano sta dando alla prima linea che si disporrà con un elemento di fantasia ed uno di peso nell’ottica più ampia del 3-5-2 riproposto durante la partitella finale a metà campo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here