Avellino Calcio – Toscano, il Cosenza nel mirino con la folla in infermeria

0
5

San Michele di Serino, Claudio De Vito – E’ andato in archivio il terzo giorno di allenamento della settimana a San Michele di Serino, dove l’Avellino ha trovato casa nell’attesa di calcare il sintetico del Partenio-Lombardi. Attesa oramai terminata, visto che domani pomeriggio Domenico Toscano rifinirà la preparazione per il test di sabato contro il Cosenza proprio sul nuovo tappeto erboso dello stadio di Contrada Zoccolari.

Il tutto rigorosamente a porte chiuse perché il test con i rossoblu rappresenta molto più di un’amichevole estiva per il tecnico ex turno. E non solo per ben figurare di fronte alla sua ex squadra. Toscano infatti si aspetta un cambio di mentalità da parte dei suoi uomini apparsi molli nell’approccio alle gare con Bassano Virtus e Vultur Rionero. Ecco perché anche questa mattina il cannibale si è sgolato per tenere alta la concentrazione dell’intero gruppo che però deve fare i conti con qualche defezione di troppo.

Alla seduta odierna non ha preso parte Lorenzo Tassi, in sala massaggi per smaltire un affaticamento muscolare. Guai per Idrissa Camarà e Soufiane Bidaoui invece durante l’allenamento. Il guineense, che ha avvertito un problema all’adduttore della coscia destra (probabile affaticamento), ha saltato la partitella finale durante la quale si è fermato il marocchino ex Crotone, acciaccato alla coscia sinistra. Lo staff medico ha ritenuto opportuno fermarli a scopo precauzionale rimandando alle prossime ore i monitoraggi del caso.

Sul fronte dei lungodegenti, ci sono da registrare i piccoli passi in avanti di Fabrizio Paghera che ha ricevuto il via libera per aggregarsi alla pattuglia composta dai vari Migliorini, Gavazzi, Jidayi (sulla via del recupero) e Rea (ai margini per scelta tecnica) alle prese con il programma differenziato costantemente seguito dal preparatore atletico Pietro La Porta.

Un’ora e mezza scarsa di allenamento per i biancoverdi che in apertura si sono disimpegnati in una sessione di riscaldamento caratterizzata da scambi di palla con entrambi i piedi. Poi la parte tattica servita a Toscano per insistere sulla manovra del 3-5-2. Il trainer biancoverde ha chiesto spesso ai suoi di velocizzare il gioco con traiettorie di passaggio meno prevedibili a partire dalle retrovie.

La partitella finale a campo ridotto – alla quale hanno preso parte anche il vice Michele Napoli e il collaboratore tecnico Luca Altomare per via degli infortuni in corso d’opera (da qualche giorno è stato aggregato anche il difensore classe ’98 della Primavera Carmine Sgambati) – non ha fatto altro che confermare gli spunti di questi giorni a livello di interpreti del nuovo modulo, anche se Patrick Asmah è stato accentrato in mediana complice l’assenza di Tassi.

Pochissimi dubbi sul resto delle scelte in ottica Cosenza: Donkor, Biraschi e Perrotta dovrebbero agire davanti a Frattali; Omeonga vertice basso a centrocampo con D’Angelo alla sua destra e l’incognita a sinistra dove l’impiego di Asmah spalancherebbe le porte a Visconti sulla fascia; Belloni sulla destra completerebbe il reparto mediano con Verde e Castaldo di punta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here