Avellino Calcio – Stadio Partenio, riesplode la querelle

0
10

Ci risiamo. E’ durata lo spazio di un’estate la tregua tra l’Avellino e il Comune sul dare e avere riguardante la gestione dello stadio Partenio-Lombardi. E non è stata certamente la calura estiva a scongelare il debito pregresso (di circa 800mila euro accumulato dal 2009) che l’Ente di Piazza del Popolo lamenta nei confronti del club biancoverde.

Il debito di circa 800mila euro accumulato dal 2009 da parte dell’Avellino – secondo le stime del Comune di Avellino – è tornato in auge in virtù del mancato pagamento del fitto dello stadio per i mesi di luglio e agosto, condizione individuata ai fini del congelamento del debito attraverso la clausola di raffreddamento concordata tra le parti.

Il Comune pertanto è tornato a batter cassa e non sarebbe più disposto ad aspettare, anche perché da Palazzo di Città fanno sapere che manca la documentazione relativa agli interventi di carbonatazione del 2015 utile a rendicontare i lavori svolti dall’Avellino negli ultimi anni. Documentazione che in Comune attenderanno entro martedì, dopodiché si passerà alla rendicontazione complessiva degli interventi effettuati allo stadio.

 

Riesplode la querelle sopita in occasione della concessione della licenza d’uso da allegare all’iscrizione al campionato a giugno. Il rischio di un altro muro contro muro è dietro l’angolo.