Avellino Calcio – Qualità al potere: Novellino sfrutta i fantasisti

0
43

Dal Partenio-Lombardi – Evidentemente Walter Novellino deve aver pensato nella sua testa di doversi leggermente discostare dall’idea tattica originaria per provare a sorprendere il Bari a casa propria. L’Avellino non lo fa da trent’anni con la vittoria che manca dal lontano 20 aprile 1986 in Serie A.

Ecco allora un nuovo (mica tanto) modo di proporsi in campo. E’ il 4-2-3-1, modulo che l’esperto tecnico biancoverde ha abbozzato sul tappeto verde del Partenio-Lombardi. La rinuncia a due punte di ruolo per favorire l’innesto di un ulteriore fantasista (e l’Avellino ne ha in abbondanza) potrebbe essere la mossa che Novellino opererà al San Nicola.

Qualità al potere. Sembra essere questo l’indirizzo del trainer di Montemarano a caccia della sua prima gioia sulla panchina dell’Avellino. Il suo è continuo studio matto e disperatissimo della rosa a disposizione, che ha bisogno di certezze. In tal senso la scelta del 4-2-3-1 si pone continuità rispetto a quella precedente del 4-4-2 con Verde e Belloni larghi a supporto dei due attaccanti dalle fasce.

Verde (Soumarè in alternativa) e Belloni (o Crecco) schierati oggi esterni nel tridente fantasia con Camarà centralmente alle spalle di Ardemagni. In tal caso, Castaldo pagherebbe dazio con l’esclusione. In mediana Lasik e Omeonga vista l’indisponibilità durante l’allenamento pomeridiano di Paghera (stiramento di primo grado all’adduttore con rientro previsto dopo la sosta) e D’Angelo (a parte perché affaticato).

In difesa i quattro del derby ma il rientro di Perrotta dalla squalifica mette Novellino in difficoltà per il ruolo di partner di Djimsiti al centro. Qualche metro ancora più indietro è allarme perché Frattali ha riportato una contusione ad un dito della mano su finire della seduta di allenamento e Radunovic è rimasto a casa per una forte reazione allergica.

Non solo prove tecniche di passaggio al 4-2-3-1. Novellino e i suoi collaboratori hanno allenato anche la difesa sia su azione che su palla inattiva in virtù dell’ennesimo gol preso su calcio piazzato contro il Benevento. Da domani porte chiuse per nascondere il 4-2-3-1 in cantiere.