Avellino Calcio – Lupi con la testa al Carpi: problemi per Solerio

0
15

Pomeriggio di lavoro per l’Avellino che sente avvicinarsi il Carpi al Partenio-Lombardi. Allenamento a porte chiuse per la truppa biancoverde che sta vivendo con serenità il momento, senza lasciarsi condizionare dagli assilli sul fronte della giustizia sportiva. Domani a Roma è prevista l’udienza-bis del processo sportivo sul calcioscommesse, ma già da qualche settimana Walter Novellino sta serrando le fila del gruppo con il campo come unico obiettivo.

I risultati delle ultime due partite contribuiscono ad instaurare un clima di fiducia in vista della sfida agli emiliani, che lontano da casa ultimamente rendono meglio. Un pareggio e poi due vittorie di fila per la formazione di Fabrizio Castori nelle ultime tre gare esterne per un Carpi – orfano dei fantasisti Antonio Di Gaudio e Francesco Fedato – più che mai competitivo in zona playoff.

L’Avellino non è da meno in zona salvezza e punta ad incrementare il vantaggio sulla quintultima attualmente a sei lunghezze. La squadra biancoverde dovrà farlo senza Richard Lasik, che non ha ancora smaltito il problema al quadricipite svolgendo oggi lavoro ridotto. Lo slovacco andrà al massimo in panchina. Affaticato al flessore sinistro invece Matthias Solerio che ha si è allenato a parte. La sua disponibilità non sembrerebbe a rischio.

Sulla corsia sinistra della retroguardia in ogni caso il titolare sarà Marco Perrotta, che ben si è disimpegnato contro Spal e Frosinone incassando la fiducia del suo allenatore. La linea difensiva dovrebbe essere la stessa degli ultimi 180 minuti, come il centrocampo dove Fabrizio Paghera, rientrato dalla squalifica, accusa ancora problemi di natura muscolare. Ed ecco perché Stephane Omeonga va verso la conferma accanto a Federico Moretti.

In avanti si prevede una rivoluzione rispetto alla gara del “Matusa”. La concorrenza è aumentata con Matteo Ardemagni, anche lui reduce dalla squalifica, perno inamovibile in doppia cifra. Al suo fianco dovrebbe agire Luigi Castaldo in vantaggio su Umberto Eusepi, entrambi protagonisti della rinascita dei lupi.