Avellino Calcio – Il ritorno sull’erba naturale preoccupa Novellino

0
34

Claudio De Vito – Nessuno ne ha parlato pubblicamente ma il ritorno sull’erba naturale in occasione della gara con la Ternana desta qualche preoccupazione in casa Avellino, dove ormai per larghi tratti della stagione si è abituati a calcare il sintetico. Fu Walter Novellino ad aggiungere la variabile terreno di gioco ai fattori di analisi a caldo post partita in quel di Cittadella.

I biancoverdi vinsero in rimonta ma faticarono nei primi 45′ ed il tecnico di Montemarano non nascose la difficoltà dei suoi nell’impatto con la superficie erbosa naturale del “Tombolato”. Ora, dopo cinque partite in fila disputate sul sintetico, l’Avellino si ritroverà a battagliare sul fondo in erba naturale del “Liberati”.

Anche in tal caso D’Angelo e compagni potrebbero pagare dazio in avvio alla luce di quanto visto a Cittadella nel primo tempo addebitabile in parte, secondo Walter Novellino, al cambio di superficie. Se però la resa in termini di risultato deve essere quella mostrata contro i veneti, allora ben venga un altro terreno naturale.

Non certo un alibi di partenza, ma un parametro di valutazione imposto dall’eterogeneità delle superfici di gioco che riguarda tutte le squadre della cadetteria. E che preoccupa Walter Novellino ora come allora, a Cittadella. Oggi intanto l’Avellino proseguirà sul sintetico nuovo di zecca di Montemiletto la preparazione affrontando la Primavera.