Avellino Calcio – Derby, assalto alla prelazione e la questura studia il piano sicurezza

Avellino Calcio – Derby, assalto alla prelazione e la questura studia il piano sicurezza

29 Dicembre 2015

Il varo della “giornata biancoverde” in occasione del derby con la Salernitana del prossimo 16 gennaio ha fatto letteralmente cadere dalla sedia i circa tremila abbonati dell’Avellino che a partire da oggi possono esercitare il diritto di prelazione rigorosamente alla biglietteria del Partenio-Lombardi.

Botteghino preso d’assalto dai fedelissimi che hanno sottoscritto la tessera stagionale in estate, i quali nel giro di pochi giochi faranno valere la prelazione in scadenza il 5 gennaio. 48 ore dopo avrà inizio la fase di prevendita libera dei restanti settemila posti nell’ambito della capienza ferma a quota diecimila oramai da qualche anno.

La vendita degli ottocento tagliandi del settore ospiti sarà invece attivata a cavallo dell’Epifania. In tal senso è facile ipotizzare che la scorta inviata da Avellino sarà polverizzata in poche ore con alcune centinaia di supporters granata che rimarranno sprovvisti di biglietto non potendo entrare negli altri settori come previsto dalla normativa.

Proprio per questo motivo, la Questura di Avellino predisporrà un imponente servizio d’ordine finalizzato ad evitare che i tifosi senza titolo di accesso possano raggiungere lo stadio. All’andata furono quattrocento gli uomini delle forze dell’ordine impiegati a Salerno coadiuvati dagli steward dell’Arechi, di cui quindici giunti da Avellino al seguito dei duemila sostenitori irpini nel settore ospiti.

Circostanza che si ripeterà a campi invertiti come stabilito nelle riunioni a suo tempo del Gruppo Operativo Sicurezza, il quale ora attende direttive precise dal Viminale per mettere in moto la macchina organizzativa con le misure di dettaglio.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.