Auto contro bar, la versione dell’indagato: marcia sbagliata dopo la lite

0
5

di Andrea Fantucchio – Ha sbagliato ha innestare la marcia ed è finito con l’auto contro la vetrina del bar, era agitato per un litigio avuto poco prima. E’ questo uno degli aspetti salienti della deposizione resa dal 37enne di Avellino, che si è costituito, dopo l’incidente avvenuto ieri pomeriggio in un bar della stazione di servizio Q8 di San Tommaso.

L’uomo, difeso dall’avvocato Nello Pizza, è indagato per danneggiamento e tentato omicidio perché, con la sua manovra, ha rischiato di investire delle persone. Il 37enne ha raccontato di aver avuto una accesa discussione con due uomini e di essere uscito molto agitato. In auto c’era anche il figlio piccolo che piangeva. Così l’uomo avrebbe sbagliato marcia innestando la prima, invece della retromarcia, rischiando di investire delle persone.

Gli agenti della sezione Volanti, guidati dal vicequestore Elio Iannuzzi, hanno acquisito le immagini raccolte dal servizio di videosorveglianza del bar. Video che riprendono l’episodio. Una 23enne è rimasta lievemente ferita a causa di una mensola, caduta nel locale, dopo l’urto dell’auto con la vetrina del bar. L’incidente ha avuto molto eco in città. In un primo momento si era pensato potesse essere in qualche modo ricollegato ai recenti fatti di cronaca. Nessuna intimidazione, invece. Proprietari e personale del bar sono assolutamente estranei ai fatti.