Atripalda – Povertà, Caputo(Prc): “Occorrono vere politiche sociali”

0
4

Atripalda – “Il sindaco di Atripalda ha dichiarato nei giorni scorsi di aver scoperto “una realtà sconvolgente, tragica, una realtà fatta di persone che stentano a sopravvivere”. Già nel 2001, infatti, una relazione dei servizi sociali comunali attestava l’esistenza in città di ben 476 nuclei familiari versanti in condizioni di indigenza. Significativi da questo punto di vista erano anche i dati provenienti da altri indicatori sociali, come il numero delle istanze per la concessione di alloggi popolari, quelle per l’integrazione del canone di affitto e, soprattutto, le richieste per l’assegnazione del reddito di cittadinanza”. Sono le osservazioni di Luigi Caputo, componente del comitato regionale del Prc che interviene sulle dichiarazioni del primo cittadino Aldo Laurenzano in merito alla condizione economica degli atripaldesi. “Alla luce di ciò una domanda è lecita: dove ha vissuto Laurenzano nel corso di questi anni? – chiede l’esponente di sinistra – Adesso il sindaco, a quasi un anno dal proprio insediamento, annuncia un nuovo corso, fondato su una sorta di austerità virtuosa, con tagli alle manifestazioni ludico-ricreative, da un lato, e concentrazione delle risorse nel settore degli interventi sociali. Bene, a condizione però che non si cada nella pericolosa illusione che basti recuperare qualche spicciolo sulle sagre e sui fuochi d’artificio per organizzare una seria lotta alla povertà, senza contestualmente intervenire per promuovere una seria azione di redistribuzione. Occorrono delle vere politiche sociali. Sul piano locale ciò significa che le situazioni difficili vanno affrontate prima di divenire critiche, che debbono essere le istituzioni ad andare incontro ad esse e non limitarsi a registrarne le manifestazioni più drammatiche. Significa altresì svolgere un’attività di programmazione, in primo luogo attraverso i Piani di Zona, che in questo hanno clamorosamente fallito, nel nostro contesto, contribuendo a determinare la negativa situazione attuale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here