Assemblea delle Province contro i tagli del Governo, Gambacorta: “Insostenibili”

0
24

Pasquale Manganiello – Si riuniranno domani ad Avellino tutti gli eletti delle Province della Campania, insieme all’Assemblea dei Sindaci della Provincia di Avellino, su iniziativa del Presidente della Provincia, Domenico Gambacorta e del Presidente dell’Upi Campania, Giuseppe Canfora, Presidente della Provincia di Salerno.

All’iniziativa, che ha il pieno sostegno dell’Unione delle Province d’Italia, parteciperanno Achille Variati, presidente dell’Upi Nazionale, nonché presidente e sindaco di Vicenza; Carlo Riva Vercellotti, vice-presidente Upi e presidente della Provincia di Vercelli. Previsti anche gli interventi di Claudio Ricci, presidente della Provincia di Benevento; Lorenzo Coia, presidente della Provincia di Isernia; Nicola Valluzzi, presidente della Provincia di Potenza e presidente dell’Upi Basilicata; il presidente della Provincia di Campobasso e presidente dell’Upi Molise, Antonio Battista; il presidente della Provincia di Foggia, Francesco Miglio.

Sono stati invitati a prendere parte ai lavori, inoltre, tutti i parlamentari eletti in Campania.

Nell’occasione il presidente Domenico Gambacorta firmerà l’esposto cautelativo, dopo il via libera all’unanimità da parte del Consiglio Provinciale. L’esposto verrà presentato alla Procura della Repubblica, alla Corte dei Conti e alla Prefettura per denunciare la grave situazione economica in cui versano le Province che comporta il rischio di non poter più garantire i servizi essenziali.

“La situazione è particolarmente grave in Campania – ha dichiarato quest’oggi il Presidente Gambacorta, presente alla conferenza stampa dedicata alla Fiera Campionaria di Venticano – dove le Province hanno subito un prelievo di risorse tra i più pesanti di tutto il Paese e i servizi sono ormai al collasso, tanto che gli Enti non sono più in grado di assicurare la sicurezza dei cittadini sulle strade provinciali e nelle scuole superiori. Abbiamo avuto la capacità di far venire ad Avellino il presidente nazionale Upi e pare che ci sia un’adesione ampia dei parlamentari irpini e campani.

Le leggi di stabilità 2014/15/16 hanno purtroppo creato una situazione di grande emergenza finanziaria con un taglio complessivo di 3 miliardi di euro alle Province italiane. Una cifra insostenibile se si pensa che sono stati azzerati i costi della politica e che il 50% del personale è andato in pensione o è finito a lavorare in altri Enti.

Abbiamo la responsabilità di migliaia di km di strade e delle scuole a cui garantiamo 2 milioni di euro per le utenze. Inoltre ci sono problemi per la manutenzione ordinaria e straordinaria, difficoltà per quanto concerne i fiumi. In tutta Italia sono in corso manifestazioni i collaborazione con scuole e sindaci per far capire che le Province non ce la fanno più. Le ricadute più grandi vanno sugli utenti dei servizi” – ha concluso Gambacorta.

“L’evento – dichiara il Presidente dell’Upi Achille Variati – rientra tra le iniziative nell’ambito della mobilitazione delle Province a difesa dei servizi essenziali e della sicurezza dei cittadini, a rischio a causa dei tagli insostenibili ai bilanci imposti dalle manovre economiche. Siamo in attesa che il Governo emani il Decreto Legge sugli Enti Locali – aggiunge il Presidente –  un provvedimento da cui le Province attendono risposte ormai non più rinviabili e gli interventi indispensabili per far fronte alla gravissima emergenza che si sta creando ai servizi essenziali per i cittadini”.