Asl Avellino, Cisl Fp chiede un confronto immediato

Asl Avellino, Cisl Fp chiede un confronto immediato

8 Febbraio 2021

La nota di Cisl Fp IrpiniaSannio: “Il momento è delicato ma non bisogna tralasciare gli impegni assunti dalle parti nell’incontro di delegazione trattante del 4 dicembre 2020 all’ASL di Avellino – afferma Antonio Santacroce Segretario Generale della CISL FP IrpiniaSannio. Certamente non vogliamo ritornare ad assistere all’insostenibile immobilismo vissuto negli anni precedenti, soprattutto in un momento dove dare soluzioni alle numerose problematiche presenti in Azienda e che stanno da tempo in una situazione di stallo è indispensabile. Onorare da subito gli impegni assunti con i lavoratori: pagamento produttività anno 2019 con la busta paga del mese di Febbraio 2021; stipula Contratto Collettivo Decentrato Integrativo Giuridico; definizione CCDI parte economica anno 2020; pagamento produttività anno 2020 con la busta paga del mese di Marzo 2021; avvio lavori anno 2021; progressioni economiche orizzontali anno 2021 (fasce). Un confronto diretto per condividere anche regolamenti che definiscono un sistema che indirizzi processi di miglioramento dei servizi e valorizzazione del personale. In altre parole, regimentare regole che danno forza ai tanti lavoratori presenti all’interno dell’Ente e senza i quali i servizi si bloccherebbero. Le risorse ci sono e non dobbiamo perdere tempo. Un confronto sul delicato tema della stabilizzazione del personale precario, unico modo per frenare le ricadute dell’applicazione della “quota 100”, che sta registrando numerosi pensionamenti, dei processi assunzionali in generale e di stabilizzazione dei lavoratori impiegati in tutti questi anni con varie forme di contratto flessibile assicurando, insieme al loro futuro occupazionale, l’innalzamento dei livelli di assistenza della provincia. Resta viva la necessità di garantire, in vista dell’emanazione dei prossimi bandi da parte delle aziende, adeguate premialità volte a valorizzare anche le esperienze professionali acquisite. Inoltre, vista la circolare n. 1/2020 del Ministro per la Funzione Pubblica Dadone che fornisce elementi di chiarezza sulla modalità di implementazione dello Smart Working (legge 81/2017), da parte della Pubblica Amministrazione, ed in considerazione dello stato d’emergenza da Covid-19, sollecitiamo codesta Azienda all’attivazione immediata dello stesso. Infatti, il poter lavorare da casa, oltre a garantire l’erogazione di un servizio, permetterebbe di deflazionare l’aggregazione di personale negli uffici dove viene erogato il servizio pubblico, contribuendo a depauperare ulteriormente il flusso relazionale che rappresenta una sorta di linfa per il virus Auspichiamo – conclude il Segretario Generale – che il lavoro fornito fino ad oggi dal gruppo dirigente della Cisl Fp IrpiniaSannio sia tenuto in considerazione da tutti e che nei prossimi giorni, saremo convocati per un sempre più proficuo confronto affinché i suddetti percorsi rendano sempre più efficaci ed efficienti i servizi da offrire alla popolazione irpina”.