Ariano Irpino. PSI:”Si faccia chiarezza sul piano di screening previsto nel sito”

Ariano Irpino. PSI:”Si faccia chiarezza sul piano di screening previsto nel sito”

15 Maggio 2020

La sezione PSI di Ariano tiene alta l’attenzione sulle problematiche del corona virus relative alla città di Ariano e si è già attività presso la segreteria nazionale del PSI per intervenire sul Governo per l’assenza di Ariano Irpino, quale comune della zona rossa che risulta escluso dal fondo di 200 milioni di euro stabilito dal Decreto Rilancio, prima della sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Ancora, abbiamo aspettato fino a stamattina, venerdì 15 maggio, una comunicazione ufficiale da parte dell’ASL di Avellino o del Comune di Ariano in merito allo screening sierologico che dovrebbe interessare la popolazione arianese nei giorni di domani, domenica e lunedì prossimi. Circolano sui social network tanti messaggi contraddittori e leggiamo sulla stampa soltanto che l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno di Portici, avrebbe ricevuto dalla Regione Campania l’incarico di coordinare l’intera operazione, di concerto con l’Asl di Avellino, il Comune di Ariano, l’ospedale S. Ottone e gli ospedali Monaldi e Cotugno; si parla di utilizzare le sedi dei seggi elettorali e di chiamare i cittadini in ordine alfabetico a sottoporsi volontariamente ai test ma, di ufficiale ancora nulla. Stigmatizziamo questa mancanza di comunicazione relativa all’organizzazione di una attività di indagine così imponente e importante per la popolazione. Come si pensa di riuscire ad avvisare tutta la cittadinanza in meno di 24 ore?

La scelta dei seggi elettorali sembra essere una soluzione razionale per riuscire a raggiungere più facilmente la popolazione residente nelle tante contrade di Ariano, ma, ci facciamo una domanda: se, a causa dei vari protocolli anti-covid, molti scolari non hanno potuto recuperare i propri libri di testo perché non è stato consentito ai genitori di recarsi a scuola per prenderli, adesso, nelle stesse aule, in base a quale protocollo sarà possibile far transitare centinaia di persone per i test?

In merito ai test sierologici, come partito avevamo già espresso le nostre perplessità relativamente all’efficacia. Del resto, non lo diciamo noi, ma autorevoli medici ci hanno tenuto ad informare che detti test sarebbero poco affidabili, con margini di errore abbastanza alti, per cui mettere in campo un tale sforzo organizzativo per testare l’intera popolazione di Ariano con strumenti che potrebbero dare falsi positivi o, che è peggio, non scovare i tanto temuti asintomatici, potrebbe rivelarsi a consuntivo, superfluo.

L’esperienza delle scorse settimane dei tamponi effettuati presso il Palazzetto dello sport, nonostante i notevoli ritardi accusati nell’ottenimento dei risultati ma che ha permesso di far emergere tanti asintomatici, doveva consigliare che questa era la strada da perseguire, ampliando la base di indagine, casomai utilizzando la tecnica del “drive-in” sperimentata con successo in tante ASL e utilizzando i tamponi, che al momento risultano essere l’unico strumento di indagine efficace.

Questa nota è l’ennesima sollecitazione dei socialisti per spingere l’Asl di Avellino a farsi carico di comunicare ad una cittadinanza confusa le modalità pratiche di svolgimento dello screening.