Ariano I. – Solimine inaugura la strada san Liberatore – Fontanelle

0
5

Ariano Irpino – Il presidente della Comunità Montana dell’Ufita, Giuseppe Antonio Solimine, ieri sera ha inaugurato la nuova strada che conduce al santuario di san Liberatore. Festa grande nella vasta contrada arianese, che attendeva da anni il potenziamento della viabilità nei pressi della chiesa. “L’Ente montano ha effettuato ben volentieri l’intervento – ha affermato il presidente Solimine – impegnando una somma non certo trascurabile per andare incontro alle esigenze della popolazione. Presto partiranno anche i lavori per risanare la frana in contrada Santa Maria a Tuoro. La collaborazione istituzionale e la sinergia tra gli enti locali e territoriali rappresentano la strada migliore per rispondere alle richieste della popolazione – ha spiegato Solimine – pertanto mi auguro che questo nostro modo di intendere la politica continui ad essere utilizzato per affrontare insieme i problemi della gente”. La descrizione dell’intervento è stata illustrata dall’architetto Carlo Giardino della Comunità Montana. Presenti il responsabile dell’ufficio tecnico, Guido Di Paola, e numerosi dipendenti. E’ intervenuto anche l’assessore Luciano Leone. Hanno partecipato gli assessori dell’Ente Francesco Lo Conte e Graziano Tisi e numerosi amministratori dell’Ufita, tra i quali il sindaco di Zungoli, Antonio De Luca e l’assessore del Comune di Ariano Irpino, Generoso Cusano. Soddisfazione è stata espressa dal presidente del comitato, Mario Schiavo, il quale ha spiegato che l’organizzazione è nata proprio per concorrere alla valorizzazione del territorio ed ha aggiunto i ringraziamenti al presidente Solimine per la sensibilità dimostrata nei confronti della comunità arianese. I cittadini avevano chiesto per anni l’impegno del Comune per realizzare il collegamento che decongestionasse il traffico nelle prossimità del santuario, ma le attese erano andate sempre deluse. Il vicario della curia vescovile, don Antonio Blundo in rappresentanza del vescovo, Giovanni D’Alise, ha ringraziato l’Ente montano ed ha aggiunto che adesso si attende l’impegno da parte del Consorzio di bonifica dell’Ufita e del Comune di Ariano Irpino. Il tracciato è utilizzabile, ma non è stato ancora asfaltato per questione di tempo. Intanto oggi cade la festa di san Liberatore, che porta al tempio migliaia di fedeli, e per la prima volta l’evento assumerà un particolare significato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here