Aree interne, trasparenza, anticamorra e Innovazione: il Consiglio regionale istituisce le commissioni speciali

Aree interne, trasparenza, anticamorra e Innovazione: il Consiglio regionale istituisce le commissioni speciali

17 Novembre 2020

Renato Spiniello – La seduta odierna del Consiglio regionale della Campania, iniziata a mezzogiorno e tenutasi in presenza, ha istituito quattro commissioni consiliari speciali.

Si tratta della commissione “Trasparenza” a cui spetterà il compito di controllare le attività della Regione e degli enti collegati e dell’utilizzo dei fondi; di quella “Anticamorra e beni confiscati” che avrà tra i suoi compiti anche quello del monitoraggio dei beni; della commissione per le “Aree interne” con il primo dichiarato obiettivo di evitare lo spopolamento; e quella su “Innovazione e sostenibilità per la competitività ed il rilancio delle imprese”.

L’approvazione di tutte e quattro le commissioni è avvenuta a maggioranza, con l’astensione, l’unica, di Maria Muscarà: la consigliera del Movimento 5 Stelle ha contestato la mancata riconferma della commissione speciale “Terra dei Fuochi”.

La proposta di istituire le quattro commissioni consiliari speciali porta la firma dei capigruppo del M5S (Valeria Ciarambino), FI (Annarita Patriarca), FdI (Michele Schiano di Visconti) e Lega (Gianpiero Zinzi).

L’assise, presieduta da Gennaro Oliviero, ha preso atto anche delle dimissioni presentate da Lucia Fortini, eletta nella lista De Luca presidente, che è stata nominata assessora regionale. Al suo posto subentra il consigliere Diego Venanzoni, primo dei non eletti.