Anziana tenta il suicidio: salvata in extremis dai Carabinieri

0
4

Avellino – Un forte odore di gas e un tremendo sospetto purtroppo fondato, ma fortunatamente fugato.

Una ragazza, oggi pomeriggio, ha evitato che l’ennesimo suicidio in Irpina potesse allungare purtroppo la già funesta lista. La tragedia stava per consumarsi questo pomeriggio al terzo piano di un edificio in via Zanotti Bianco (Rione San Tommaso): intorno alle 15.00 giunge presso il Comando provinciale dei Carabinieri una segnalazione. Una ragazza di Avellino riferisce ai militari di un forte odore di gas proveniente dall’appartamento accanto. Il sospetto che qualche cosa di tremendo stesse avvenendo nell’abitazione è avvalorato dalla circostanza che la sua vicina di casa, una signora sulla sessantina, è affetta da crisi depressive. I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Avellino, accorsi sul posto, hanno effettivamente riscontrato la presenza di forti esalazioni di metano provenienti proprio dall’appartamento.

Dopo aver bussato alla porta d’ingresso e non ricevendo nessuna risposta, per evitare di perdere tempo, i militari hanno deciso di sfondarla a spallate. Entrati nell’appartamento, i Carabinieri hanno trovato la proprietaria, M.G., avellinese classe 1943. La donna, alla vista dei militari, si è messa a correre in direzione del balcone di casa con la chiara intenzione di lanciarsi nel vuoto. Per fortuna i pronti riflessi dei militari hanno fatto sì che la donna fosse bloccata e messa in salvo. Placati gli intenti suicidi dell’anziana, è stato chiuso il gas e messo in sicurezza l’intero edificio, già per buona parte ormai saturo di metano.

Dopo le visite mediche e le cure del caso, i Carabinieri hanno affidato la donna alla sorella, anche lei avellinese ma di due anni più giovane.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here