Air: Victor si presenta ai tifosi. Rossetti recupera Darby no

0
5

Due ernie al disco impongono a Jason Capel di rimanere fermo ai box e subire un intervento chirurgico per eliminare il problema. Sfortunata stagione per il ‘colored’ di North Caroline, che dopo il problema alla mano ora si ritrova a affrontare questa delicata situazione. Per la Scandone non finiscono i problemi. Sanfilippo, magari anche contro la sua volontà è stato costretto a ritornare sul mercato e mettere sotto contratto Isiah Victor di cui già si era parlato nei giorni scorsi e che ieri alle 10.30 è sbarcato a Capodichino alle 10.30 proveniente da Alghero. Nella giornata di mercoledì lo statunitense ha rescisso consensualmente il contratto con il Banco Sardegna Sassari. Ad ogni modo il DS Sanfilippo ha fatto il colpo, perché è riuscito ad acquisire le prestazioni di un giocatore extracomunitario che già giocava in Italia. Di conseguenza la Scandone non dovrà spendere un altro visto e potrà, se lo riterrà opportuno tagliare in futuro qualche atleta e sostituirlo con un extracomunitario. Ieri Victor è stato presentato a stampa e tifosi prima dell’allenamento. “Sono contento di essere ad Avellino – dichiara l’ex Sassari – spero di soddisfare il coach, cercherò di dare il massimo e non far rimpiangere Capel”. Giocatore molto rapido, forte atleticamente, che sicuramente potrà dare una mano. Certo è un giocatore molto diverso da Jason Capel che è un 3/4, Victor è più un 4/5. Nel 2001 è uscito da Tennesse, dove si è laureato in Sociologia. In Europa già aveva giocato, precisamente in Francia, dove aveva indossato la maglia del Le Havre. Luigi Gresta descrive così Isiah Victor: “E’ un’ala forte con grandi mezzi atletici. Molto bravo a giocare 1 contro 1 dal post alto e, forse, è proprio questa è la sua specialità. Ottimo giocatore anche in campo aperto, perché corre molto bene in contropiede, forse potrebbe sfruttare meglio il suo atletismo nel gioco vicino a canestro. Ha una discreta mano da fuori con un range di 5-6 metri ma può tirare anche da 3 punti. In difesa può marcare i 4 oppure i 5 leggeri, spesso in D-League lo hanno fatto giocare da 3, ma Isiah rimane assolutamente un 4 che può giocare 5 per qualche minuto caso mai ci fosse la necessità tattica di alleggerire il quintetto”. Nelle dieci giornate di campionato trascorse a Sassari il giocatore nativo di Hopkinsville ha totalizzato in 24.7 minuti di utilizzo 11.7 ppg, con il 51% da due ed il 21% da tre ed il 68% dalla lunetta. Bene anche a rimbalzo dove ha catturato una media di 6 rimbalzi per gara. L’ex Sassari dovrebbe far parte dei dodici che scenderanno in campo in campo domenica tre dicembre. I segretari della società stanno facendo di tutto per tesserare in tempo Victor, che dovrà essere tesserato entro e non oltre le 12 di oggi. Ma a quanto pare la società di via Serafino Soldi sta cercando di mettere a segno qualche altro colpo. Si sta cercando infatti di valutare la posizione di Pete Lisicky. Il cecchino americano dal passaporto slovacco ha, come sappiamo, un contratto a gettone. Ma le sue prestazioni positive hanno ormai convinto società e staff tecnico a trattenere del tutto il giocatore. Il problema è che in campo possono essere schierati quattro extracomunitari e due comunitari. I due comunitari al momento sono Bryan e Strong. Perciò per far giocare Pete bisognerà trovare un’altra soluzione. Lo staff societario e tecnico potrebbe decidere di avviare le pratiche per far prendere il passaporto italiano al giocatore, che ha i nonni di origine italiana. Certo se si riuscisse a raggiungere questo obiettivo la Scandone metterebbe a segno un vero e proprio colpaccio. Per quanto riguarda gli infortunati, Rossetti è in via di recupero, mentre Darby questa settimana non si è allenato e probabilmente non scenderà in campo a Treviso contro la Benetton. Malgrado le notevoli difficoltà, che la squadra di Boniciolli sta vivendo, la Scandone dimostra di essere serena….sempre ( di Giovanni La Rosa)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here