Addizionali irpef in aumento, Filctem: “Si attuino nuove misure”

0
9

“Nonostante il federalismo fiscale non sia più al centro del dibattito pubblico e politico, gli effetti di alcune delle norme già varate in materia nella precedente Legislatura (Governo Berlusconi) e in quella attuale (Governo Monti) iniziano a farsi sentire. Da gennaio di quest’anno sono aumentate le addizionali regionali e comunali, malgrado gli ingenti tagli ai servizi e nessuna riforma strutturale del sistema fiscale tesa a ridurre l’eccessiva pressione fiscale sui redditi “fissi””. Così, in una nota, la Cgil Filctem di Avellino.
“La Cgil, in più occasioni, – si legge ancora – si è espressa sulla necessità di costruire un modello di federalismo fiscale ispirato a principi di equità e solidarietà, condivisi nei territori, in grado anche di correggere le distorsioni oggi esistenti nel nostro sistema fiscale caratterizzato al tempo stesso da un netto sbilanciamento dell’imposizione a svantaggio dei lavoratori dipendenti e dei pensionati, a favore delle ricchezze “improduttive” (sommerso, grandi patrimoni, rendite finanziarie, etc.), e da una disuguaglianza evidente del prelievo locale che grava pesantemente sui cittadini residenti nelle regioni del Mezzogiorno.
Tuttavia, allo stato attuale nessuno dei provvedimenti finora approvati si pone l’obiettivo di contrastare queste tendenze, con la conseguenza che, da un lato, le divaricazioni territoriali economiche e sociali continueranno ad aumentare e, dall’altro, che i lavoratori dipendenti e i pensionati continueranno a subire incrementi di prelievo tributario”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here