Accumulatore energetico di Flumeri: Nappi richiede interventi

0
5

“Il sistema di accumulo non convenzionale per l’energia elettrica in fase di realizzazione a Flumeri, una volta completato, sarà uno dei più grandi tra quelli esistenti, ottenuto con 89mila e 600 ‘pile’ collegate tra loro, capace di accumulare 12 MW di potenza complessiva. Si tratta, però, di un sistema che in altri paesi ha determinato ben tre incidenti che hanno avuto gravissime conseguenze. E’ il caso che i tecnici della Regione verifichino la compatibilità di tale opera con la realtà ad essa circostante e valutino attentamente i rischi che la comunità flumerese potrebbe correre in caso di incidente.” Lo afferma Sergio Nappi, consigliere regionale di Forza Italia.
“L’accumulatore che la Terna sta realizzando – spiega Nappi – quando è in funzione, può raggiungere temperature che vanno oltre i 300 gradi centigradi. In altri impianti basati sulla stessa tecnologia si sono verificati già tre incidenti: nel 2005, nel 2010 e nel 2011. L’ultimo, a Tsukuba in Giappone, ha richiesto 8 ore per portare sotto controllo l’incendio e oltre 15 giorni per spegnerlo completamente. Considerato che nel raggio di 500 metri dall’impianto sono presenti abitazioni e impianti industriali – prosegue il consigliere regionale – , si rende necessario valutare in maniera più approfondita i rischi di un eventuale incidente. In Giappone, infatti, l’incendio di Tsukuba provocò la dispersione di sostanze tossiche letali per inalazione che, data la loro natura, anche a Flumeri potrebbero determinare seri danni all’uomo, in alcuni casi irreversibili, e persino la morte. Non è esclusa, inoltre, la possibile contaminazione dei terreni e delle falde acquifere delle quali l’Irpinia è ricca. D’altronde – rileva Nappi – quello di Flumeri sarà il primo impianto non solo in Italia ma anche in Europa. A livello comunitario, pertanto, non esistono dati relativi all’utilizzo di tale tecnologia; non a caso Terna ha definito sperimentale l’impianto irpino.”
“Alla luce di tutto ciò – aggiunge l’esponente di Forza Italia –, ho chiesto al Dirigente dell’Unità operativa energia della Regione Campania, dottor Fortunato Polizio, informazioni specifiche sull’impianto, ottenendo la sua disponibilità a venire a Flumeri per avere un momento di confronto con la comunità, per ascoltare le ragioni della gente del posto e per dirimere i dubbi di chi teme conseguenze drammatiche in caso di incidente. Nei prossimi giorni – chiude Nappi – sarà fissata la data per l’incontro d’intesa con la comunità flumerese.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here