A Villa Amendola, le Olimpiadi della matematica 2015

A Villa Amendola, le Olimpiadi della matematica 2015

30 Maggio 2015

Olimpiadi della matematica 2015: grande partecipazione al Museo civico di Villa Amendola per la cerimonia di premiazione

Si è svolta giovedì 28 maggio la cerimonia di consegna dei premi delle “Olimpiadi della Matematica 2015” a Villa Amendola, sede del Museo Civico di Avellino, che per l’occasione era gremita di gente.

Il folto numero di intervenuti all’importante iniziativa ha avuto modo di visitare nelle ampie sale della settecentesca dimora borghese avellinese, che nel secolo scorso ospitò tra le sue mura, tra gli altri, il filosofo Benedetto Croce e il commediografo Roberto Bracco, anche l’esposizione museale permanente curata dallo Storico dell’Arte Alberto Iandoli, che ripercorre la storia della città dalla sua elevazione a capoluogo di provincia nel 1806 sino alla seconda metà del ‘900, oltre che l’esposizione eccezionale dei cimeli della Prima Guerra Mondiale, patrimonio del Museo, voluta dall’Amministrazione comunale in occasione del centenario della “Grande Guerra”, oltre la mostra iconografica e documentaria sulla Storia delle Esposizioni Mondiali curata dallo storico Armando Montefusco, che terminerà il prossimo 31 Maggio.

Soddisfatto per la riuscita dell’iniziativa l’assessore alle politiche culturali e promozione della città, Nunzio Cignarella, che a margine dell’incontro ha commentato: “È il secondo anno che ospitiamo a Villa Amendola la premiazione delle Olimpiadi della Matematica. Questa pubblica manifestazione che premia i giovani talenti della nostra città sta diventando, e ciò mi fa piacere, un appuntamento annuale fisso, e ben augurante per l’iniziativa. Altrettanto piacere mi fa il senso di attaccamento a questa struttura museale di nuova istituzione, fortemente voluta dall’Amministrazione comunale che avverto sia da parte dei giovani che dei meno giovani della nostra città, che sempre più numerosi accorrono a Villa Amendola ogni qualvolta nelle sue sale viene ospitata una iniziativa culturale, oltre che quotidianamente, e il registro dei visitatori ne è una prova, sia del flusso dei visitatori, che del gradimento che essi esprimono. Questo – conclude l’assessore Cignarella – mi fa immensamente piacere, ed è da sprone per il sottoscritto, per quanti quotidianamente collaborano con me negli uffici dell’Assessorato e per l’Amministrazione comunale tutta nel continuare a percorrere il solco segnato il 10 gennaio dello scorso anno con l’apertura al pubblico del Museo Civico”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.