9 maggio: anche Avellino celebra la Giornata dell’Europa

0
620

9 maggio: anche Avellino celebra la Giornata dell’Europa e commemora la firma della “Dichiarazione Schuman”, avvenuta il 9 maggio 1950, avviando un piano ambizioso per garantire una pace a lungo termine nell’Europa del dopoguerra, ed è considerata l’inizio di quella che oggi è l’Unione europea.

L’importanza di lavorare per la pace in Europa è sempre più evidente, soprattutto in questi tempi in cui si cerca in ogni modo di mantenere la pace, a seguito delle difficoltà che sta vivendo l’Ucraina.

Dopo due anni di pandemia, il Servizio Strategico Europa del Comune, ripropone la Festa dell’Europa, che coincide con l’Anno europeo dei giovani, protagonisti di ciascun evento del mese di maggio, che abitualmente la Città di Avellino dedica alle tematiche europee.

Quest’anno il tema e il titolo della Festa dell’Europa 2022 del Comune di Avellino è “Transizione ecologica e digitale dei giovani europei”, sottolineando l’importanza degli strumenti digitali, il loro uso consapevole, la promozione della cultura attraverso di essi, ma anche l’attenzione all’ambiente.

La festa dell’Europa avrà inizio con l’evento “L’occasione digitale per la cultura e l’Europa” che si terrà il 9 maggio alle ore 10,00, presso l’Aula Magna dell’I.T.E. L. Amabile di Avellino e proseguirà con una serie di eventi che rientrano nelle iniziative promosse dalla rete National Transfer Practice Initiative del progetto URBACT, coordinato da ANCI, per replicare la pratica realizzata da Mantova
con il progetto della rete europea C-Change guidata dalla città di Manchester.

“Come sempre, la nostra amministrazione sta puntando i riflettori sui giovani – dichiara il sindaco Festa – il primo evento di questo mese è dedicato completamente a loro. Abbiamo scelto di recarci presso l’Istituto I.T.E. L. Amabile della città di Avellino, per incontrare i ragazzi ed in particolare per dar voce ad alcune classi che si sono distinte per aver portato avanti il progetto promosso da Asoc sul
monitoraggio civico. Il tema principale sarà quello della transizione digitale e le opportunità che gli strumenti digitali offrono ai nostri giovani in termini di creatività, produzione e promozione della cultura, ma anche per difendere e salvaguardare l’ambiente in cui viviamo. Questa giornata ci offre l’opportunità per riunirci e discutere con i giovanissimi delle sfide che quotidianamente dobbiamo
affrontare, per creare un futuro migliore per le nostre città e per un’Europa che sia al servizio di tutti”.

“Abbiamo invitato il prof. Alfredo De Santis, Direttore del Dipartimento di informatica dell’Università degli Studi di Salerno, – aggiunge l’assessore alla transizione digitale, Marianna Mazza – per parlare ai ragazzi degli strumenti digitali e del loro corretto uso, soprattutto a seguito di due anni utilizzo continuo dei dispositivi digitali, per far fronte alla distanza imposta dalla pandemia. Siamo certi che il suo contributo possa dare ai ragazzi dei preziosi spunti di riflessione anche per quello che riguarda l’uso del digitale come mezzo di diffusione e produzione di cultura in ogni sua forma”.

Gli eventi dedicati alle tematiche europee proseguiranno con un mini-festival URBACT (19-20-21 Maggio) che avrà come focus la sostenibilità degli eventi, in quanto la città di Avellino ha dato avvio ad un proprio processo di avvicinamento agli obiettivi di sostenibilità degli eventi che vede coinvolti sia gli uffici della Pubblica amministrazione sia gli attori locali del mondo della cultura, dell’arte e
dell’ambiente, costituiti in un gruppo locale (URBACT local group).

Tra le tappe di questo percorso di trasferimento, in questi tre giorni, la Città di Avellino si prepara ad accogliere le città italiane coinvolte nel progetto (Cuneo, Sestri Levante, Rovereto, Ferrara, Siena e Corigliano-Rossano), occasione per offrire alle città italiane uno sguardo alla bellezza e profondità delle nostre aree interne nonché alle esperienze locali di alto pregio, quali pratiche culturali già attive e sensibili nell’ambiton della sostenibilità ambientale e umana.