Vertenza Faver – Il 9 agosto l’incontro in Regione Puglia

0
2

Avellino – La Uil irpina si esprime in merito alla vertenza Faver, che vede coinvolti i 12 lavoratori dell’impresa irpina che gestisce la manutenzione dei serbatoi idrici dell’Acquedotto Pugliese (due dei quali lasceranno comunque il posto per motivazioni personali) ed annuncia l’incontro del prossimo 9 agosto presso l’Assessorato al Lavoro della Regione Puglia.

“La mobilitazione dei lavoratori della Faver e la solidarietà di alcuni sindaci dell’Alta Irpinia, sensibili alle difficoltà dei 12 lavoratori licenziati dalla Impresa appaltatrice dei lavori di vigilanza e manutenzione dei serbatoi idrici gestiti dall’Acquedotto Pugliese, ha realizzato un alto livello di concertazione e contrattazione degli interessi degli operai che per oltre 20 anni hanno prestato la propria attività in tale servizio. Dopo il primo incontro in Prefettura e, l’altro tenuto ieri mattina presso la sede dell’Ato, su forte pressione della nostra Organizzazione, di concerto con la UIL di Bari e della Regione Puglia, si è concretizzato un incontro presso l’Assessorato al Lavoro della stessa Regione Puglia che si terrà il prossimo 9 agosto, al quale parteciperà l’Acquedotto Pugliese che è il diretto interessato alla vicenda, avendo deciso di internalizzare il servizio precedentemente dato in appalto. La vicenda è assolutamente incredibile e rappresenta un’ulteriore batosta per la fragile economia irpina su iniziativa di un Ente pubblico che, proprio in periodi di crisi e difficoltà per l’apparato produttivo ed occupazionale, dovrebbe dare risposte significative e positive alle sacrosante richieste dei lavoratori. Ci aspettiamo un balzo in avanti e la piena assunzione di responsabilità nella vicenda, da parte dell’Acquedotto Pugliese ed anche della stessa Regione Puglia nella qualità di socio di maggioranza dell’Ente, che vede coinvolti 12 lavoratori che non troverebbero tutti la possibilità di rioccupazione nella gestione del servizio. In caso contrario dovremmo prendere atto che le necessità dei lavoratori e delle loro famiglie sono sempre in una parte secondaria delle sensibilità istituzionali, solo rivolte alla sistemazione del bilancio ed alla riorganizzazione dei servizi esistenti. Sarebbe auspicabile una decisione forte che veda protagonista la spinta riformista del Governatore Vendola che, proprio in queste occasioni, dovrebbe essere decisionista a favore dei lavoratori. Anche una soluzione transitoria sarebbe ottimale, in attesa dell’affidamento del servizio idrico integrato e della depurazione al gestore in house che sarà individuato dall’Ato. La delegazione della UIL di Avellino sarà composta dal Segretario generale Franco De Feo e dal Segretario provinciale dei Metalmeccanici, Gaetano Altieri e da un gruppo di lavoratori”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here