Solofra, Noe in azione nel distretto industriale: sigilli a conceria

0
6

Solofra – Due giorni fa, in una conceria di Solofra era scoppiato un piccolo incendio a causa di un corto circuito interno al dispositivo di aspirazione dei fumi; in quell’occasione, dopo l’intervento dei vigili del fuoco che avevano bonificato la zona, i carabinieri della locale Stazione avevano provveduto a controllare se tutto fosse regolare, accertando anche che il motivo dell’incendio non fosse invece connesso con qualche irregolarità nella tenuta dei macchinari o in qualche carenza nei dispositivi di sicurezza.
Così, nella giornata di ieri, i carabinieri della Stazione di Solofra, coadiuvati da quelli del Nucleo Operativo Ecologico (Noe) di Salerno, hanno operato un approfondito controllo all’azienda conciaria.
Al termine dei controlli, i carabinieri hanno contestato ai due legali rappresentanti, due donne di del posto rispettivamente di 22 e 41 anni, che l’attività lavorativa veniva svolta senza l’autorizzazione per l’emissione dei fumi in atmosfera, con modalità di smaltimento rifiuti (anche di acque reflue) diverse da quelle autorizzate, che gli apparati produttivi e i dispositivi di sicurezza non manutenzionati come previsto.
L’intero stabile inoltre è risultato sprovvisto del certificato di prevenzione incendi e di quello di agibilità dei locali.
Per questi motivi, le due titolari dell’azienda sono state deferite in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino, mentre l’impianto conciario è stato sottoposto a sequestro preventivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here