Solofra – L’amministrazione comunale sul potenziamento rete idrica

0
4

L’ assessore allo sviluppo del comune di Solofra, Antonio De Vita segue la strada del potenziamento della rete idrica a servizio delle aziende del polo conciario in funzione di antincendio. Nei giorni scorsi l’assessore ha incontrato la struttura tecnica dell’Asi, proprietaria della rete, per ragionare sulla praticabilità dell’ intervento. “Ai fini del rispetto della normativa anti-incendio – spiega De Vita – è necessario che le aziende conciarie locali si dotino di un impianto, all’ esterno dell’ opificio, per la fornitura della risorsa idrica in caso di emergenza. Risorsa idrica che dovrebbe essere ‘erogata’ ad una precisa pressione. Tutto ciò vorrebbe dire che le aziende conciarie sarebbero esposte ad ulteriori costi non solo per l’ attuazione degli impianti richiesti in funzione anti-incendio ma anche per quanto attiene la loro manutenzione”. Queste dunque le premesse alla base della proposta di un intervento elaborato dall’ amministrazione comunale. “Il Comune – continua De Vita – intende venire incontro alla classe imprenditoriale con la realizzazione di un intervento che preda un ‘ring’. In pratica chiudere la rete idrica a servizio del polo conciario. Per garantire la pressione richiesta sarà necessario intervenire sui serbatoi che dovranno fornire l’ acqua all’ anello. Saranno potenziati i serbatoi esistenti e con ogni probabilità rimesso in attività quello già esistente in località Chiavarone che dovrà immettere acqua in caso di necessità. L’ anello si avvantaggerebbe del sistema di telemetria esistente, attuato dall’ Asi ma rimasto inutilizzato, per una corretta gestione della risorsa idrica. La telemetria infatti consentirebbe il controllo di eventuali perdite e guasti, ma indirizzare anche il flusso idrico lì dove necessita in caso di emergenza. Il costo per la realizzazione dell’ intervento ammonta a circa 200mila euro”. Per il reperimento dei fondi “è intenzione dell’ amministrazione attivarsi per aprire i canali istituzionali ed economici che potrebbero garantire la copertura della somma per la realizzazione dei lavori”. Tutti questi passaggi sono stati racchiusi dall’ amministrazione comunale in una delibera di giunta ed un analogo passaggio sarà operato dall’Asi. Il punto d’ approdo sarà una sorta di contratto di servizio che gli imprenditori saranno chiamati a firmare e sarà pure il punto di partenza per il reperimento dei fondi necessari per l’ intervento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here