SeL – Criscuoli: “Senza buona politica niente buona amministrazione”

0
11

Atripalda – Una “guerra tra bande” che “cozza in modo abbastanza stridente con gli interessi della città”: è il quadro politico dell’amministrazione atripaldese visto dagli occhi di Luca Criscuoli, di Sinistra e Libertà, che racconta come nella cittadina del Sabato si assista ad “continua contesa” e una “frenetica resa dei conti” interna ai partiti, sia di centrodestra che di centrosinistra. “Ciò che accade nel Pd – spiega Criscuoli – non è molto diverso da ciò che succede nel Pdl, e questa situazione non si limita solo all’ambito cittadino.
Risse, spaccature, pretese, candidature svanite o inventate, doppiogiochismo e tanti capricci che in verità non ti aspetteresti da chi si candida a governare una città o a svolgere il proprio ruolo in un’opposizione di valore. E non mancano nel frattempo manovre trasversali da parte di coloro che ‘gufano’ questa amministrazione, spingono per il dissesto, ma mettono in pratica strategie scontate, prevedibilissime. Ma non facciamo facili profezie. Non è utile dare spazio ai personalismi. Ostinarsi a voler prendere in mano ‘’a pazziarella’ non è di per se un buon modo per guadagnare alla buona politica lo spazio che merita. E senza la buona politica non può esserci la buona amministrazione. Senza il senso di responsabilità non possono esistere benefici per la cittadinanza.
C’è da augurarsi che in futuro si ritorni tutti sulla retta via che altro non è che quella del buon senso e dell’interesse comune. Se si continua ad allargare la forbice della distanza tra gli interessi della politichetta e quelli reali ci ritroveremo in una situazione di conflitto sociale imprevedibile e, di questo passo, inevitabile.
Le amministrazioni locali possono molto in termini di stato sociale, di ammortizzatori. Possono sostituirsi al governo e impostare una corretta ed efficiente politica sociale atta ad evitare che la crisi si accanisca con chi già è debole e povero.
Atripalda ha bisogno di fatti, dovremmo tutti cominciare a guardare a quelli e a tutto ciò che è futuribile e migliorabile per la nostra comunità”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here