Sarah D’Agostino: “Mai un calendario nuda, prima penso a mia figlia”

0
15

Dal Biancoverde n°32

Questa settimana per la nostra rubrica tutta al femminile abbiamo scelto il volto della Metaedil, la splendida Sarah D’Agostino, conosciuta da tutti i tifosi biancoverdi per essere la conduttrice della nota trasmissione Contatto Sport, insieme ai giornalisti Domenico Zappella e Leonardo D’Avenia.
Sarah, mamma di una bambina di tre anni, proprio grazie al programma in onda su Prima Tv è entrata a far parte di quel gruppo di supporter che sperano che l’Avellino possa arrivare al più presto nella massima categoria. Conosciamola meglio…

Ciao Sarah, come inizia la tua avventura a Contatto Sport?
Sono da tempo la protagonista delle pubblicità della Metaedil ed è proprio grazie a questo spot televisivo che sono approdata a Prima Tv e mi sono avvicinata al mondo del calcio.

Quindi la passione per il calcio nasce con la trasmissione che stai conducendo in questo periodo?
Sì, in realtà non ho mai seguito il mondo del pallone, soltanto la Nazionale in occasione dei Mondiali o degli Europei. Ad esser sinceri neanche il mio compagno è un tifoso accanito del calcio, però a volte capita che siamo insieme sul divano e seguiamo la serie A, in particolare il Napoli. È la sua squadra del cuore.

Come nasce l’idea di lavorare in televisione?
In realtà io nasco con la moda che è il mio primo amore. Inizio che ero una bambina a circa 13 anni partecipai a Miss Italia Mascotte. Poi in seguito ho partecipato a molti concorsi di bellezza, Miss Italia, Miss Campania ed è così che inizia la mia avventura nella moda.

Hai fatto anche qualche apparizione in canali nazionali?
Sì, Ciao Darwin la trasmissione che andava in onda su Canale 5 di Paolo Bonolis, nella puntata Belle e Brutte. Io competevo tra le belle. È stata un’esperienza molto divertente che ripeterei sicuramente.

Però tra la moda e la televisione cosa preferisci?
Mille volte la moda. Adoro sfilare, mi emoziona. Ogni volta che cavalco la passerella la per me è come se fosse la prima. Ormai ne ho fatte tante di sfilate, ma l’adrenalina non manca mai. Io poi sono una persona abbastanza timida e riservata, anche se non si direbbe, quindi la moda rispetto alla televisione sicuramente mi agevola.

Raccontami un po’ della tua vita private, cosa si nasconde dietro il volto della Metaedil?
Non sono sposata, ma convivo con il mio compagno dal quale ho avuto una splendida bambina di tre anni che si chiama Alessia. Per lei fare qualsiasi cosa, per questo quando ho saputo di essere in attesa ho deciso di mettere da parte per un po’ il mio lavoro. È da poco che ho ricominciato con il mondo dello spettacolo, ho preferito dedicarmi completamente agli affetti, alla mia famiglia.

Da quando hai una bambina, forse è cambiato anche il tuo modo di relazionanti al lavoro. Magari ci sono cose che adesso non ti presteresti a fare…
Sì, non poserei nuda per un calendario. Ma questo neanche prima, come ti dicevo sono una ragazza riservata, non amo sfilare neanche in intimo e poi non vorrei che un domani mia figlia mi rimproverasse per qualcosa di cui potrei pentirmi. Il mio primo pensiero è lei, voglio che mia figlia sia orgogliosa della sua mamma, quindi non vorrei mai deluderla. L’unico calendario che ho fatto è quello delle mamme, ma ero assolutamente vestita.

Parliamo un po’ della tua avventura a Contatto Sport. Qual è il tuo ruolo?
Sono co-conduttrice, affianco i due conduttori, presento e dibatto con gli ospiti, leggo i messaggi dei tifosi. È un ruolo che mi diverte molto.

Inoltre mi dicevi che da quando lavori a Prima Tv ti sei scoperta una grande tifosa dell’Avellino?
Sì, ho scoperto che il mondo del pallone non mi dispiace. Poi la squadra dei Lupi quest’anno è molto forte anche se sono un po’ sfortunatelli, spesso gli arbitri li hanno penalizzati.

Chi è il giocatore che preferisci?
Raffaele Biancolino è un calciatore forte e simpatico. Si vede che in quello che fa ci mette tanta passione.

Vuoi fare un augurio speciale alla squadra?
Certo, spero che possano andare in serie A. Per me sarebbe anche l’input giusto per andare allo Stadio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here