Sanità – D’Ercole: “Atto politico? No. Regione senza credibilità”

0
4

“Bassolino & c., continuano ancora a mistificare la realtà”. Lo sottolinea il Capo dell’Opposizione in Consiglio Regionale, Francesco D’Ercole, dopo le nuove esternazioni del governatore e dell’assessore regionale alla sanità, Mario Santangelo che hanno ribadito come la decisione del Governo di commissariare la sanità campana, sia stata dettata soltanto di motivazioni politiche e che non appena riceveranno la notifica del provvedimento provvederanno a presentare ricorso al Tar del Lazio. “La Giunta regionale contesta i dati contabili sulla cui scorta è stata assunta la decisione, ma da chi ha sempre contestato, mentendo pur sapendo di mentire, anche la verità dei fatti, non ci si poteva di certo aspettare un comportamento diverso. Non un minimo di autocritica – accusa D’Ercole – sulla ormai scarsissima credibilità della sanità campana che spinge oltre 100mila cittadini ad andarsi a curare presso strutture al di fuori dei confini della nostra regione; sulla montagna di fondi, rivenienti dall’art. 20 della legge 67/88 per la riqualificazione e la riorganizzazione dell’edilizia ospedaliera che sono andati perduti. E che dire, poi dell’assoluta e totale mancanza di qualsivoglia controllo sulle attività delle Asl e sulle aziende ospedaliere? E pensano forse Bassolino, Santangelo & c. – sottolinea ancora – che sulla decisione del commissariamento da parte del Governo, non abbia pesato anche la constatazione della variabilità dei dati presentati dalla regione al tavolo tecnico ad ogni riunione diversi? O l’adozione, peraltro tardiva, di un piano sanitario, che non solo non consente risparmi strutturali, che si preoccupa soltanto di far cassa, che penalizza i territori e non tiene in alcun conto il diritto costituzionale dei cittadini alla difesa della propria salute”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here