Pianificazione intercomunale: siglati altri due protocolli

0
3

Avellino – Ancora due i protocolli d’intesa siglati questa mattina presso la sede dell’Assessorato Provinciale all’Urbanistica, alla ex Caserma Litto di Avellino, tra l’Assessorato provinciale all’Urbanistica, guidato da Maurizio Petracca, e i sindaci dei Comuni ricadenti nell’area della fascia del Partenio e i Comuni dell’area del Baianese – Vallo Lauro. Si tratta del quinto e del sesto protocollo dopo la sigla dell’intesa con le amministrazioni comunali della Baronia, le amministrazioni comunali della Media Valle del Calore, i Comuni della Valle del Sabato – Irno – Serinese – Solofrana e quelli dell’Alta Irpinia.
L’intesa siglata è il primo passo per dare vita ad attività concertate di pianificazione intercomunale. Nel primo protocollo d’intesa si è siglato l’accordo tra l’Amministrazione Provinciale e le Amministrazioni Comunali di Altavilla Irpina, Cianche, Grottolella, Manocalzati, Montefalcione, Montefredane, Ospedaletto d’Alpinolo, Petruro Irpino, Prata Principato Ultra, Pratola Serra, Rotondi, Sant’Angelo a Scala, Torrioni e Tufo.
Il secondo protocollo d’intesa ha visto coinvolte le amministrazioni comunali di Avella, Baiano, Domicella, Marzano di Nola, Moschiano, Mugnano del Cardinale e Taurano. I protocolli stabiliscono che, nel necessario riconoscimento delle peculiarità di ogni ambito territoriale, si arrivi alla definizione dei PUC (Piano Urbanistico Comunale) in cui vengano individuati i servizi intercomunali al fine di evitare sovrapposizioni e disfunzioni in cui si potrebbe incorrere se si procedesse con una pianificazione a compartimenti stagni e senza il necessario confronto tra le singole realtà comunali. La previsione della pianificazione intercomunale rappresenta, infatti, uno dei parametri importanti per l’accesso al contributo messo a disposizione dalla Regione Campania per la redazione del Piano Urbanistico Comunale, del Regolamento Urbanistico Edilizio Comunale e degli Atti di Programmazione degli Interventi, così come prescritto dalla Legge Regionale 16/2004.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here