Pdl: “7 giorni a Caldoro per cacciare Udc. Poi tocca a Province”

0
4

Si fa sul serio, questa volta non si scherza. Il commissario del Pdl Nitto Palma, conferma e non arretra di un millimetro, e tutti i quadri regionali del partito questa volta concordano sul da farsi. Perché è giusto che si faccia chiarezza. A pretenderlo sono soprattutto i cittadini che dopo l’ennesimo volta faccia dell’Udc sono davvero stanchi. Nella riunione tenutasi a Napoli con i parlamentari, i consiglieri e gli assessori regionali, i coordinatori territoriali, alla presenza del commissario Francesco Nitto Palma sono stati tutti concordi: “entro sette giorni l’Udc dovrà fare i bagagli dalla Giunta”. L’input arriva anche da Roma, sia Berlusconi che Alfano sono stanchi di dover sottostare agli umori dell’Udc in Campania: che un giorno si “corica” con il Pdl un altro con il Pd. Basta con i tradimenti. Caldoro è consapevole di tutta questa situazione. Se non ci sarà un seguito a quanto deciso, i primi a dare le dimissioni saranno gli assessori del Popolo della Libertà in Regione Campania. Si parte dall’alto, come giusto che sia. Ma l’effetto sarà a cascata, per proseguire poi con le Province. A questo punto l’Udc ha un piede fuori. Si aspetta che la spinta decisiva sia fatta da Stefano Caldoro. Ha il potere di dare il benservito agli assessori (dell’Udc sono Giuseppe De Mita e Pasquale Sommese). Sette giorni per decidere altrimenti il Pdl passerà all’opposizione. I presidenti delle Province si sono impegnati a ritirare le deleghe agli assessori Udc. Il documento che contiene l’aut aut, approvato all’unanimità dall’ufficio politico del Pdl campano, è stato consegnato a Caldoro, a Santa Lucia. Ciò dovrebbe avvenire anche nel caso in cui Caldoro non ubbidisse alle indicazioni del partito. Proprio nella giornata odierna il Governatore ha ricevuto dai quadri dirigenziali del Pdl i migliori apprezzamenti per il lavoro svolto in due anni e incassato quindi la massima fiducia del suo partito che lo ha fatto eleggere Governatore della Campania.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here