Morte Claire – Colpo di scena: il coltello che l’ha uccisa è il suo

0
9

Carpignano – Il coltello trovato accanto al cadavere, l’arma che ha ucciso Claire Martin, farebbe parte di un set di proprietà della donna. Questa è l’ultima, sorprendente, indiscrezione che, in queste ore, si sta diffondendo nei canali d’informazione e che potrebbe, una volta per tutte, dar maggiore corpo alla tesi del suicidio. In effetti, già la relazione del medico legale che aveva effettuato l’esame autoptico sul corpo di Claire, aveva fornito nuovi particolari che allontanavano la presenza di altre persone sul luogo della morte della giovane cameriera. Secondo il parere di Oto Macchione, infatti, delle otto coltellate che hanno colpito il collo della donna, soltanto una è stata letale poiché ha reciso la carotide. Le altre sono state date con mano malferma e avrebbero colpito non in profondità. Una ricostruzione che calzerebbe a pennello con il drammatico quadro di una donna che colpisce se stessa, spinta da chissà cosa e frenata dall’istinto di conservazione. Per quanto concerne, invece, la ricerca di impronte digitali sul coltello, le analisi non hanno portato a nulla, visto che le stesse erano troppo impregnate di sangue per poter essere isolate e ricostruite. Nessuna prova certa, dunque, avrebbe la facoltà e la forza per far appassire l’ipotesi del suicidio se fosse accertata la provenienza del coltello. E sempre secondo indiscrezioni, la conferma della proprietà del lama sarebbe addirittura arrivata dai familiari di Claire, il che potrebbe davvero scrivere la parola “fine” su un caso che sta tenendo tutti con il fiato sospeso da tempo. Ora non resta altro che attendere la relazione del super perito Maurizio Saliva, il quale, data la complessità del caso e l’incertezza generale, ha eseguito nuovi accertamenti ambientali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here