Lioni – Domani un convegno sulle C. M. organizzato da Flai Cgil

0
1

Lioni – Si svolgerà domani mattina il convegno organizzato dalla Flai Cgil di Avellino dal titolo: “Il futuro delle Comunità Montane, il futuro dei lavoratori forestali”.
L’incontro si terrà presso l’aula consiliare del Comune di Lioni con inizio alle ore 9,30.
Numerosi i relatori al convegno che tratterà uno dei punti caldi della discussione politica relativa agli enti in provincia di Avellino.
A presiedere i lavori Aniello Vece, Segretario Generale Flai Avellino.
La relazione introduttiva è affidata a Giuseppe Brancaccio, Segretario Generale Flai Campania. Ci saranno anche interventi di Vito Amendolare, Assessore Regionale agricoltura; Pietro Foglia, Consigliere Regionale, Rosetta d’Amelio, Consigliere regionale, Rodolfo Salzarulo, Sindaco di Lioni, Raffaele Coppola, Assessore provinciale agricoltura, Mario Marino, Presidente Comunità Montana Terminio Cervialto, Giuseppe Di Milia, Presidente Comunità Montana Alta Irpinia, Giovanni Quaranta, Uncem Nazionale, Massimiliano D’Alessio, Fondazione Metes, Gianfranco Nappi, Ex Ass. Regionale Agricoltura, Pasquale Ricci, Presidente Comunità Montana Partenio Vallo Lauro, Oreste Ciasullo, Presidente Comunità Montana Ufita e Vincenzo Petruzziello, Segretario Generale CGIL Avellino.

Intanto, sulla vertenza che riguarda i lavoratori delle Comunità Montane, il segretario della Flai Cgil, Aniello Vece, illustrerà la posizione del sindacato: “I 15 milioni di euro che saranno accreditati alle Comunità Montane, così come annunciato dall’Assessore Amendolare, sono la seconda tranche dei 36 già deliberati dalla giunta regionale del lavoratori forestali del 18 giugno scorso. Non rappresentano la svolta della lunga vertenza dei lavoratori forestali e delle Comunità montane – spiega Vece – ma sono solo una boccata di ossigeno che allevierà qualche sofferenza. Sino ad ora si è reperito meno di un terzo del fabbisogno precedentemente appostato in bilancio e revocato dall’attuale Giunta Regionale. Le attuali sofferenze del comparto – ricorda il segretario provinciale Flai – Cgil – consistono nella mancata corresponsione del salario a gran parte dei lavoratori forestali delle Comunità Montane e alla diminuzione delle giornate di lavoro nelle varie attività comprese quelle dell’antincendio. Attendiamo di conoscere cosa ha prodotto il confronto con l’Angensud, se si stanno rimodulando le misure del Piano di Sviluppo Rurale, quando verrà convocato il Comitato di sorveglianza per il Piano. Ad ogni modo la Flai e le altre organizzazioni sindacali di categoria non faranno alcun passo indietro rispetto al piano di stabilizzazione e dei lavoratori forestali”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here