Lavanga (TeNG):”Candidatura Giordano emblema del caos interno al Pd”

0
4

Avellino – “L’epilogo, almeno quello provinciale, della questione candidature alle regionali del Pd è la cartina al tornasole dello stato in cui versa il partito”. È il commento di Antonio Lavanga dell’assemblea provinciale Pd di “Territori e Nuove Generazioni”. “Oltre ad emergere lampanti le lacerazioni all’interno del gruppo di maggioranza, attenuate e tenute sotto traccia finora solo dalle promesse su candidature regionali e congresso cittadino; sono evidenti la mancanza del rispetto della qualsivoglia trasparenza dei criteri di scelta dei candidati e il totale distacco del partito dal territorio. Difatti i criteri di scelta sono stati ballerini ed è difficile trovarne un senso coerente leggendo i cinque nomi: chi è arrivato alla candidatura dopo un avventuriero congresso, chi espressione di una sensibilità all’interno del partito, chi di nomina “papale” fino alla clamorosa candidatura di Giandonato Giordano, sintesi ed emblema del caos all’interno del partito. Tutto ciò dopo il tour, a questo punto tragicomico, della Lengua in giro per la provincia. Nell’occasione della tappa di Grottaminarda definii, personalmente, quella riunione senza senso e una presa in giro: i fatti purtroppo mi hanno dato ragione. Inoltre viene confermata anche nella scelta delle candidature, quindi non solo dal mutismo sulle questioni importanti e sui problemi delle persone, la lontananza del Pd dal territorio, il voler fare una politica senza di esso da parte della maggioranza del partito. Noi di “Territori e Nuove Generazioni” non proponevamo la candidatura di Rodolfo Salzarulo come espressione di un territorio, ma di un percorso politico, di idee, forse le uniche messe in campo nelle varie e tumultuose tappe del congresso, e lo facevamo forti del considerevole consenso fatto registrare verso la nostra idea di Pd. Ora in questa situazione, e con certe candidature, diventa difficile fare campagna elettorale. La candidatura a governatore di Vincenzo De Luca era riuscita a risvegliare l’orgoglio e l’entusiasmo di molti, ma dopo le arroganti scelte maturate nella mattinata di domenica si è mosso l’ennesimo passo verso un risultato che rischiamo di ricordare a lungo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here