Frigento – Fine settimana all’insegna di “Pizzilli e Tammorre”

0
4

Frigento – Al via sabato prossimo, 7 agosto, la settima edizione della manifestazione “Pizzilli & tammorre”, organizzata dalla Pro Loco Frigentina in collaborazione con Forum dei Giovani di Frigento, People Involvement, Pubblica Assistenza “Rocco Pascucci” e con il patrocinio dell’amministrazione comunale. L’evento avrà luogo il 7 e l’ 8 agosto a Frigento in piazza Umberto I e nasce dal connubio tra il recupero della musica tradizionale del meridione e la riscoperta di pietanze della cultura culinaria frigentina. Il pizzillo è una specie di calzone fritto che verrà servito in vari modi, anche ripieno di pecorino Carmasciano, prosciutto, e con lo zucchero. Il ricco programma inizierà sabato 7 agosto, con lo spettacolo dei Conta Cunti, un gruppo salernitano che proporrà lungo le vie del paese la tradizione popolare del sud come un racconto fatto di musica, parole e danza. L’evento clou della serata sarà l’esibizione della Compagnia Arakne Mediterranea. Proveniente dal Salento, con l’utilizzo di tamburelli, chitarre, organetto, violino, flauti, nacchere, le mani, la voce, metterà in scena il suo viaggio sonoro, ritmico, vocale e danzato, nella tradizione popolare, per coinvolgere e trasportare lo spettatore nella magica terra del Salento. Una serata all’insegna di coinvolgente musica meridinale, con tonalità che, dalle coste del Mar Tirreno all’Adriatico, fino alla punta estrema dello stivale delizieranno gli spettatori. Domenica 8 agosto, poi, la serata sarà inaugurata da uno spettacolo circense di e, a seguire, ci sarà l’esibizione del gruppo irpino di musica popolare “Li Iazzi Banni”. Costituitosi quest’anno dalla fusione di validi elementi giovani, ma già con molta esperienza musicale alle spalle, tra cui il percussionista di Eugenio Bennato, Valter Vivarelli, e Cesare Carpenito, già violinista dei Pratola Folk, il gruppo si sta facendo conoscere nelle principali piazze della provincia dopo una rodaggio invernale nei locali campani. “Li Iazzi banni” fioriscono tra colori, suggestioni e sonorità della tradizione popolare dell’intera penisola italiana. Lo scopo è creare nuove ambientazioni musicali, plasmando quel tessuto etnico che divide e allo stesso tempo unisce la nazione, dalla Liguria alla Sicilia: Un trait d’union tra il folk ed il rock, il blues e il cantautorale. “Siamo riusciti a mettere su un programma davvero interessante per gli estimatori della buona musica popolare – dichiara il presidente delle pro loco Frigentina, Francesco Di Sibio –. La massiccia partecipazione riscontrata nell’edizione 2009 ci ha spinti a puntare maggiormente sulla buona musica, in modo da risaltare al meglio l’ottimo palcoscenico che ospita l’evento: il centro storico di Frigento. Le nostre proposte culinarie sono ormai conosciute e apprezzate; il pizzillo di Frigento richiama degustatori da varie parti della provincia. Anche questa settima edizione sarà una buona vetrina per il nostro paese e per questa parte d’Irpinia”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here