Forza posto di blocco in possesso solo del foglio rosa, denunciato

0
8

Anche nel corso di quest’ultimo fine settimana, i carabinieri della Compagnia di Avellino hanno dato corso al consueto servizio coordinato per il controllo della movida avellinese del venerdì e sabato sera. Come per i fine settimana precedenti, pattuglie in divisa e in borghese hanno vigilato sul corretto svolgimento del divertimento giovanile, effettuando posti di controllo lungo le principali arterie stradali e controlli dinanzi ai più frequentati esercizi commerciali di Avellino. Il caso più eclatante registrato questa volta consiste nel deferimento in stato di libertà d’un ragazzo poco più che maggiorenne, colpevole di aver forzato un posto di controllo, dopo che guidava l’autovettura col solo foglio rosa. A suo carico, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Avellino hanno redatto una comunicazione di notizia di reato per resistenza a pubblico ufficiale. Il tutto è nato lungo la via Umberto Nobile di Avellino, ove i carabinieri del Comando di Avellino stavano eseguendo un posto di controllo alla circolazione stradale. Intimato l’alt alla vecchia Panda che stava sopraggiungendo, i carabinieri hanno visto che il veicolo stava dapprima rallentando la marcia, per poi dare una repentina accelerata e forzare a tutta velocità il posto di controllo. I carabinieri, che fortunatamente sono riusciti a scansare l’automobile in accelerazione, si sono subito posti all’inseguimento del veicolo, dando vita ad un inseguimento con dispositivi luminosi e sonori per cercare di far arrestare il veicolo. Dopo un paio di curve, nel tentativo di seminare i carabinieri, il conducente della Panda ha dapprima spento i fari e poi si è buttato in un piccolo vicolo, ma a nulla sono servite quelle manovre, tanto che poi – a causa dell’inesperienza nella guida – il veicolo si è pure spento e i carabinieri lo hanno bloccato agilmente. Identificato il conducente, i militari dell’Arma hanno con sorpresa constatato che si trattava di un ragazzo poco più che maggiorenne, tra l’altro nemmeno in possesso della patente, ma con il solo foglio rosa. Accanto a lui, benché non consentito, un coetaneo. Entrambi erano di ritorno dal mare dopo una giornata di festa. Purtroppo però la giornata non è finita altrettanto bene e, se per il passeggero non v’è stata alcuna contestazione, al giovane conducente del veicolo è toccata una denuncia in stato di libertà per il reato di resistenza a pubblico ufficiale, oltre che un verbale amministrativo per le violazioni al codice della strada commesse, con il conseguente sequestro amministrativo dell’autoveicolo. In un altro caso, sempre i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Avellino hanno denunciato in stato di libertà un 23enne avellinese, colpevole del reato di guida senza patente, giacché sorpreso alla conduzione di un veicolo a motore senza aver mai conseguito la relativa abilitazione alla guida. A Summonte, in occasione della kermesse “Sentieri Mediterranei”, i carabinieri della competente Stazione di Ospedaletto d’Alpinolo hanno deferito all’autorità amministrativa un uomo del posto, classe 1964, sorpreso nell’esercizio abusivo della professione di parcheggiatore. Oltre alla sanzione amministrativa prevista a suo carico, i carabinieri hanno operato il sequestro del denaro sino a quel momento consegnatogli dagli avventori della manifestazione, ammontanti a quasi 90 euro. Infine, a Solofra, i carabinieri della locale Stazione hanno segnalato amministrativamente al Prefetto di Avellino un giovanissimo del posto, classe 1990, sorpreso in compagnia di amici nel materiale possesso di droga. Da una perquisizione personale fatta nell’immediatezza, infatti, i militari dell’Arma solofrana hanno rinvenuto nelle sue tasche mezzo grammo di hashish e un quarto di grammo di marijuana. Vista la modica quantità, compatibile certamente con il solo uso personale, per il giovane è scattata la sola denuncia amministrativa e non anche quella penale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here