Caos SEL – Cicchetti risponde a Sd: “Sono dei dirigenti pinocchio”

0
5

Avellino – Dopo la riunione di ieri in cui Sinistra democratica ha spiegato a stampa ed iscritti al partito le motivazioni reali alla base della scelta di ritirare dalla corsa alle Regionali i propri candidati (Erika Picariello e Raffaele Aurisicchio), arriva la replica di Vito Nicola Cicchetti ex segretario del Pdci e ora esponente di Sinistra Ecologia e Libertà. “Non risponde al vero la ricostruzione operata dal gruppo dirigente di SD, non vi è stata alcuna imposizione, d’altronde non si comprende chi poteva imporre qualcosa atteso che SD ha rifiutato la costituzione del coordinamento in cui dovevano essere discusse candidature, programmi, congresso ecc” sostiene Cicchietti. “La verità, nascosta dai dirigenti pinocchio di SD, è una sola: in Irpinia i dirigenti di SD continuano settariamente a mantenere una propria appartenenza che li ha condotti nelle scorse provinciali ad allearsi con Prc ed area pentiti PD solamente per occupare delle poltrone. I dirigenti di SD, hanno svelato la loro vera posizione politica. Continuano ad essere – attacca Cicchetti – quel gruppetto che lavora per la sinistra alternativa. Noi di SeL lavoriamo per costruire l’unità della sinistra avendo ben presente i gravi danni che il centro destra arreca al Paese”. E’ sulla composizione della lista che forse è nato lo scontro finale tra le varie forze appartenenti alla stessa compagine, quella di Sinistra Ecologia e Libertà. “In virtù di quale assegnazione divina SD avrebbe dovuto esprimere due rappresentanti in lista a scapito di altre forze fondatrici di SeL? Coerenza avrebbe voluto – continua l’esponente SeL – che la lista fosse formata da un rappresentate per ogni forza politica fondatrice di SeL e dunque un candidato ciascuno a: SD, MPS, Unire la Sinistra e Ecologisti, e uno ai Socialisti. SD non ha inteso prendere parte alla competizione elettorale, per propria autonoma scelta. SD con tale gesto si disimpegna dal fare campagna elettorale. Beffardo è l’invito di SD a votare il solo simbolo, ben sapendo che a sinistra si è solito votare il simbolo e che solo poco più del 50% esprime preferenze. Mentre noi siamo impegnati in una difficile campagna elettorale per evitare che il centrodestra vinca, i ‘pinocchio’ preparano la notte dei lunghi coltelli (il congresso provinciale ndr). Il nostro comune impegno, lo chiedo soprattutto a quanti in SD credono in SeL, deve essere quello di far vincere il centro sinistra e di costruire una grande sinistra con SeL. Al congresso di SeL – è sicuro Cicchetti – mandiamo a casa questi vecchi residuati bellici, apriamo le porte ai giovani e ai movimenti perchè una nuova sinistra ha bisogno di nuove energie”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here